close

Scuola e dintorni

CronacaScuola e dintorni

Emergenza rifiuti a Scampia: Coinvolta una scuola materna

L’emergenza rifiuti questa volta coinvolge una scuola materna di Scampia: una situazione di degrado che deve essere fermata.

Emergenza rifiuti e quattro aule di una scuola materna chiuse a Scampia: è successo poco distante dal centro, nei pressi del campo rom in cui recentemente sono state date alle fiamme montagne di rifiuti e tre baracche. Un degrado che questa volta ha coinvolto anche i piccoli alunni del complesso scolastico “Alpi-Levi”, costretti poi a fare lezione all’interno degli spazi del refettorio.

Solo le denunce e le continue proteste della preside Rosalba Rotondo hanno fatto scattare questa mattina la massiccia operazione dell’Asia, volta a bonificare quel tratto di Viale della Resistenza. Il vice presidente dell’VIII Municipalità Salvatore Passaro, ha commentato così i fatti:

“E’ una condizione insostenibile per noi e per i nostri bambini. Questo tratto di strada vede anche la presenza dell’esercito che purtroppo non riesce a contrastare il fenomeno degli sversamenti abusivi. C’è bisogno di un piano condiviso da tutti e che venga attuato con rigore e costanza. Non è giusto mettere così in pericolo la salute degli abitanti del territorio”.

Un’emergenza che deve essere fermata al più presto e il degrado che coinvolge più zone del napoletano, non possono più colpire anche i bambini.

leggi tutto
Scuola e dintorni

Test di Medicina: è di Salerno la miglior candidata campana

test di medicina
La salernitana miglior candidata campana ai test di Medicina sceglie di rimanere nella sua regione.

Alessia Procida, 19 anni, è stata la miglior candidata campana ai test di Medicina. Nella graduatoria regionale è arrivata prima con un punteggio di 74,6. Nella graduatoria nazionale si è collocata al 23esimo posto su 60mila candidati. «Mi sono preparata l’ultimo anno, studiare per i test e per la maturità non è stato semplice, ma i miei docenti mi hanno dato buone basi».

Dopo la maturità classica con 110 e lode al liceo Tasso di Salerno e l’ottimo risultato ai test di Medicina, ha già le valigie pronte per trasferirsi a Napoli e iniziare l’università. Pur potendo andare alla Bicocca o a Padova, ha scelto di rimane nella sua regione e iscriversi alla Federico II. «Amo il mio territorio, un domani potrei spostarmi, vedremo come andrà, è prematuro parlarne».

La passione per la medicina non nasce in famiglia, ma dalla voglia di «fare qualcosa per gli altri». Favorevole ma solo in parte al numero chiuso, «sarebbe bello che tutti avessero l’opportunità di seguire Medicina». Per Alessia comunque i test di Medicina «non sono impossibili, bisogna essere costanti, non farsi prendere dal panico, essere caparbi, crederci».

leggi tutto
Scuola e dintorni

Borsa di ricerca “Raimondo di Sangro”: chi può partecipare

Cappella Sansevero Raimondo di Sangro

Ultimi giorni per i giovani talenti che desiderano partecipare al bando indetto dal Museo Cappella Sansevero e dall’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici. C’è tempo fino al 6 ottobre 2019 per candidarsi alla prestigiosa borsa di studio messa a disposizione per promuovere la ricerca sulla figura di Raimondo di Sangro, settimo principe di Sansevero.

È il  secondo anno consecutivo che il Museo Cappella Sansevero e l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici offrono un percorso formativo di eccellenza: al vincitore una borsa dell’importo di 12.000 € per l’anno accademico 2019-20.

Il lavoro di indagine è finalizzato alla valorizzazione del profilo letterario e filosofico-scientifico di Raimondo di Sangro e all’approfondimento del suo ruolo sociale e culturale nel più ampio quadro della Napoli e dell’Europa del Settecento.

Chi può partecipare

Possono partecipare al concorso candidati di età non superiore ai 34 anni alla data di scadenza del bando, che abbiano conseguito la laurea magistrale o un titolo equipollente presso università italiane o straniere. Il testo integrale del bando 2019-20 è scaricabile dai siti www.museosansevero.it e www.iisf.it.

Termine ultimo

Il termine ultimo per inviare la propria candidatura, all’indirizzo di posta elettronica certificata bandoraimondodisangro@legalmail.it, è il 6 ottobre 2019.

Esito

L’esito della selezione sarà reso noto entro il 30 novembre 2019. Il testo integrale del bando 2019-20, in cui sono indicati tutti i requisiti e i materiali da produrre per la partecipazione, è scaricabile dai siti www.museosansevero.it e www.iisf.it.

leggi tutto
Scuola e dintorni

Crocevia: La rete di Università per le aree interne

Forum regionale giovani campania
 Il 26 e 27 settembre 2019 per la prima volta si incontreranno a Matera rappresentanti istituzionali e personalità accademiche per avviare il processo di costituzione di una rete permanente di Università per le aree interne.
“Abbiamo percepito, nella scelta di Matera come capitale europea della cultura 2019, un segnale importante di nuova e diversa attenzione verso le aree interne del nostro Paese e per questo siamo orgogliosi di rilanciare la sfida ambiziosa della Rete di Università per le Aree Interne proprio da questa Città unica, che incarna pienamente le bellezze e le potenzialità del nostro Paese” dichiara Giuseppe Caruso, Presidente del Forum regionale dei Giovani – Campania  “porteremo, dalla Regione Campania, l’esperienza ed il lavoro fatto in questi anni con il Dipartimento di Architettura dell’Università Federico II – attraverso il LABORATORI GIOVANI DELLE AREE INTERNE E DELLE AREE STRATEGICHE – per delineare una strategia di sviluppo dei territori interessati”.
leggi tutto
Scuola e dintorni

Al via le selezioni per la Scuola Superiore Meridionale

Scuola Superiore Meridionale Unina

L’”alter ego” della Scuola Normale Superiore di Pisa si prepara finalmente ad inaugurare il suo primo anno accademico a Napoli.

La Scuola Superiore Meridionale avrà sede nel centro storico di Napoli. Le eccellenze accademiche che saranno selezionate potranno quindi avere il privilegio di usufruire anche degli spazi dell’università statale più antica dell’Europa.

Quest’anno la Scuola Superiore Meridionale ha emanato due bandi: uno per diplomati e uno per laureati. Già la settimana scorsa, la Scuola ha accolto e ha tentato di orientare 84 eccellenze di neodiplomati italiani, tra i quali ne verranno selezionati solo 30 (per saperne di più clicca qui).

Eppure il vero e proprio boom di domande è stato riscontrato per gli ambitissimi 18 posti di dottorato, 6 per ogni indirizzo. Sono state infatti più di 200 le richieste per potervi partecipare.

I 3 corsi di dottorato della SSM sono:

  • Archeologia e culture del Mediterraneo antico
  • Global History&Governance
  • Testi, tradizioni e culture del libro

Le caratteristiche per ogni indirizzo saranno le stesse: durata quadriennale, di cui un anno all’estero; una borsa di studio di 19.000€, maggiorata del 50% durante il soggiorno all’estero; una dotazione annuale in denaro per l’attività di ricerca. È inoltre garantita forte interdisciplinarietà e un’ampia rete di rapporti nazionali e internazionali. Insomma un importante trampolino di lancio!

Gli studenti che hanno fatto domanda dovranno pazientare solo un altro weekend per scoprire le loro sorti. L’esito della valutazione dei loro titoli sarà noto lunedì 16 settembre insieme al calendario dei colloqui per la definitiva ammissione.

Non resta quindi che fare un grande in bocca al lupo a tutti!

_

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook de La Bussola per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram!

 

leggi tutto
Scuola e dintorni

Ritorno a scuola in Campania: tra disagi e plastic free

ritorno a scuola in Campania

In Campania, gli studenti che oggi hanno iniziato la scuola sono in totale più di 144.000. La Regione è pronta al nuovo anno scolastico?

Sono numerose le problematiche dell’imminente ritorno a scuola in Campania, primo tra tutti la mancanza di docenti di sostegno: ne servirebbero 10.000 in tutta la regione. La notizia comunque potrebbe essere positiva per chi ha la specializzazione di sostegno e aspetta di essere convocato.

Altra questione da risolvere per la Regione Campania è la manutenzione del verde all’interno dei vari istituti. L’assessore Giovanni Pagano della Municipalità 8 di Napoli, la più verde, ha affermato:

«Le erbacce sono ben oltre l’altezza dei bambini e in esse parassiti che vi trovano rifugio. Abbiamo richiesto almeno interventi celeri per il nido Fata Colorella e per le scuole Monterosa e  Carafa-Salvemini».

Il presidente della prima Municipalità, Francesco De Giovanni, ha invece garantito un intervento di decespugliamento entro venerdì per le scuole Viviani e Poerio. Sarà la Napoli Servizi ad effettuare tali pulizie e a rendere più sicure e agibili le scuole napoletane.

La situazione del Madonna Assunta di Bagnoli

Un’ altra urgenza alla quale dover far fronte colpisce l’istituto comprensivo Madonna Assunta di Bagnoli. Durante l’estate infatti l’istituto è stato derubato almeno 7 volte e ad oggi mancano ancora circa 100 banchi e 100 sedie. La dirigente Rosanna Cassese darà il via al nuovo anno scolastico con un’inevitabile rotazione delle classi, in attesa di poter risolvere il problema. La dirigente Cassese inoltre afferma:

«Ci sono sedie e banchi disponibili nelle scuole limitrofe che hanno avuto un calo di iscritti. Mi auguro che la Municipalità 10 si attivi per portarli da noi, così da non dare ai bambini l’ennesimo disagio».

L’istituto Madonna Assunta ha numerosi ed eccellenti progetti di accoglienza per disabili, infatti ne conta un’altissima percentuale. Sono circa una dozzina i docenti di sostegno che ancora mancano solo in quell’istituto.

Ritorno a scuola in Campania: non solo problematiche

Grazie al metodo dell’assessore all’istruzione Annamaria Palmieri, la refezione scolastica in Campania è efficace. Essa partirà dal primo ottobre poiché è stata ottenuta una proroga del contratto con la ditta affidataria. A dicembre poi ci sarà la nuova aggiudicazione della gara.

L’assessore Palmieri lancia inoltre un’altra sfida: iniziare l’anno all’insegna del “plastic free”:

«Con l’amministrazione comunale, ABC e altri assessorati avvieremo azioni di salvaguardia ambientale e riduzione dell’uso delle plastiche. In autunno ci saranno interventi sul tema “Acqua Bene Comune”, facendo anche dono di borracce eco-compatibili agli alunni delle scuole partecipanti».

_

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook de La Bussola per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram!

leggi tutto
Scuola e dintorni

Non solo studio: a scuola si insegna il rispetto per l’ambiente

La regione donerà a ogni istituto campano un albero di cui prendersi cura. Così da apprezzare e diffondere “il pollice verde” tra gli studenti.

Il giovane movimento di Greta Thumberg

Dopo il successo della campagna portata della giovane attivista svedese, in tutto il mondo si sono viste numerose iniziative nell’ultimo anno. L’attenzione per salvaguardia dell’ambiente sembra essere talmente diffusa da coinvolgere anche le istituzioni locali ed è proprio dal tentativo di formare la collettività che nasce questo progetto.
Durante l’anno scolastico infatti, oltre ad affrontare le tipiche materie di studio, gli studenti avranno la responsabilità di curare una pianta o un albero. L’obbiettivo è diffondere tra i più giovani l’amore per la natura, insegnandogli ad adottare tutte le abitudini che consentono di preservarla nel quotidiano.

Non solo alberi

Piccoli gesti come ridurre gli imballaggi inutili, scegliere soluzioni ecosostenibili, limitare i viaggi in auto e il consumismo sfrenato sono solo alcune delle azioni che possono contenere l’impatto ambientale di ogni cittadino. E quale modo per educarli se non la scuola? La speranza è che attraverso i piccoli si responsabilizzino anche gli adulti della stessa famiglia. Costruendo un futuro migliore grazie alla collaborazione tra le diverse generazioni.

leggi tutto
CronacaScuola e dintorni

Asili nido: Napoli assume a tempo indeterminato 70 educatori

Assunzioni a tempo indeterminato per 70 educatori ed educatrici negli asili comunali di Napoli. Assessore Palmieri: Napoli è in controtendenza: apre nidi mantenendo le tariffe basse.”

Ottima notizia per gli educatori del capoluogo campano: sono in corso, proprio in queste ore, le assunzioni  a tempo indeterminato di 70 educatori ed educatrici, da collocare negli asili nido di Napoli.

Il Comune di Napoli sta attingendo alla graduatoria degli idonei stilata in seguito al concorso per istruttori socio-educativi che si è svolto nel 2014.

“Mentre il rapporto di Save the Children focalizza l’attenzione sulle disparità tra le diverse regioni del Paese nell’accesso ai servizi di prima infanzia, continua l’impegno della nostra Amministrazione, fortemente voluto dal Sindaco, di investire sui più piccoli e mettere in sicurezza in modo strutturale i nidi e micronidi realizzati coi fondi europei del Piano di Azione e Coesione” – dichiara l’assessore alla scuola e all’istruzione, Annamaria Palmieri.

Di fatti, questa grande manovra di assunzione permetterà di internalizzare sei nidi realizzati proprio con i fondi del Piano di Azione e Coesione (fondi PAC). Inoltre, l’apertura dei nidi e la creazione di posti di lavoro sono segnali estremamente positivi per la città di Napoli che, quindi, potrebbe diventare un ‘paese (anche) per piccoli’.

Crediamo che la gestione diretta dei nidi sia una giusta risposta alle esigenze di numerose famiglie, specie nei quartieri più difficili” – continua l’assessore Palmieri – “E abbiamo contemporaneamente in corso le gare per assicurare il funzionamento di altri sei nidi in tutta la città”.

Quali asili e dove

Le iscrizioni sono aperte al micro-nido “Cucciolo” della municipalità 5, al nido “Piazzi” della municipalità 3 e ai nidi della seconda municipalità.

Inoltre, grazie all’utilizzo dei fondi PAC, le iscrizioni sono riaperte anche al nido di Vico Santa Maria Apparente, posizionato nella prima municipalità. Apertura a breve prevista anche per il nido “Savy Lopez”, al Vomero, e per alcuni nidi nelle municipalità 7, 8, 9 e 10.

Napoli è in controtendenza, apre nidi mantenendo le tariffe basse, a differenza del centro-nord, che fa ricadere il costo dei servizi sulle famiglie.” – così l’assessore Palmieri – “E perciò ha il diritto-dovere di chiedere alla politica nazionale un investimento strutturale che trasformi il servizio nido in servizio essenziale, riconosciuto come tale anche dallo Stato. Altrimenti piangere sulle disuguaglianze è solo esercizio retorico”.

leggi tutto
CulturaScuola e dintorni

La Normale di Pisa a caccia di eccellenze campane

La giornata di ieri ha dato il via alle giornate di orientamento organizzate dalla Scuola Normale Superiore di Pisa in collaborazione con la Federico II di Napoli, che termineranno lunedì prossimo.

Le eccellenze italiane verso l’orientamento

Gli 84 studenti attesi tra Napoli, Puglia e Toscana, sono stati accolti per la loro prima lezione in una delle sale dell’autorevole Università Federiciana e per una settimana assisteranno alle lezioni universitarie tenute da illustri docenti di tutte le discipline. Durante questa settimana potranno sfruttare al meglio la straordinaria possibilità concessagli per sviluppare un’idea più limpida rigurdo il percorso di studi da intraprendere all’Università.

“Un percorso che la Normale di Pisa persegue da 30 anni circa” spiega Luigi Ambrosio, direttore del prestigioso ateneo toscano, con origini campane.

“Facciamo ai migliori studenti della quinta superiore delle lezioni approfondite che possono guidarli al meglio nel loro percorso formativo e far emergere un potenziale che spesso è sopito e va solo stimolato”.

La grande occasione offerta alle 84 giovanissime eccellenze è però senz’altro un’ottima opportunità per accrescere la fama dell’ateneo toscano, come conferma il rettore Gaetano Manfredi: “Un’occasione per far conoscere a questi studenti eccellenti che provengono da tutta Italia la nostra proposta didattica, cultura, qualità formativa, e il valore della nostra università che sempre di più rappresenta un grade riferimento”.

L’istituzione in via sperimentale della Scuola Superiore Meridionale

Il mancato insediamento della Normale di Pisa a Napoli, bloccato da un intervento della Lega, ha aperto la strada all’istituzione della Scuola Superiore Meridionale. Ottanta milioni di euro in cinque anni stanziati dal Miur alla Federico II grazie ai successi ottenuti dall’ateneo napoletano in questi ultimi anni.

Ai posti per diplomati, che avranno vitto e alloggio gratis oltre ad una borsa di studio di 12oo euro annui, si aggiungeranno i dottorati di ricerche che partiranno a breve.

 

 

leggi tutto
Scuola e dintorni

Test d’ingresso della facoltà di Medicina e Odontoiatria, le ultime

Solo poche ore mancano al via al test dingresso della facoltà di medicina e odontoiatria, per cui migliaia di studenti e studentesse si preparano da tempo e con massimo impegno. Questa magnifica facoltà, oltre ad essere la più ambita in tutta Italia, è celere per i  difficoltosi quesiti d’accesso che vengono sottoposti ai candidati e che infrangono i sogni di tantissimi aspiranti medici.

Il boom di iscritti e la pietà del Miur

A quietare l’ansia dei candidati ci ha pensato però il ministero dellistruzione, ampliando la disponibilità per ben 1826 posti in più cosicché uno studente su sei ha la possibilità di accedere alla facoltà.

Ma dal momento che “le facilitazioni : alla facoltà di medicina = le gioie : a settembre” (per restare in tema matematica),  proprio quest’anno 10.450 ragazzi proveranno ad aggiudicarsi un banco,  si tratta cioè  di 4500 candidati in più rispetto a  coloro  che presentarono la domanda nel 2018.

Nonostante il test sia identico per tutti e venga svolto in tutta Italia alla stessa ora e con le medesime modalità, ci sono differenti probabilità di successo tra un ateneo e l’altro. Queste differenze non riguardano solo le possibilità di entrare ma anche la spesa da sostenere per accedere al test. Secondo i dati elaborati dal portale per studenti skuola.net, che segue da anni lo svolgimento dei test a numero programmato, la tassa di iscrizione ha un costo medio di 49,06 euro. Sulle spalle dei candidati pesa quindi una spesa complessiva di circa 3,3 milioni di euro.

Il candidato versa la tassa all’università che ha indicato in cima alle preferenze per l’iscrizione. Ma non sono tutte uguali: si va dalla quota “simbolica” fissata a 10 euro dall’UniversitàBicocca” di Milano fino ai 100 euro chiesti sia dall’Università della CampaniaLuigi Vanvitelli” sia dall’Università degli Studi del Piemonte OrientaleAmedeo Avogadro”.

Novità anche per il test: spazio alla cultura generale

La nuova riforma che ha previsto l’incremento dei  quesiti di cultura generale a danno dei quesiti di logica, ha letteralmente sconvolto i candidati che da anni si esercitano nei rompicapo proposti gli anni passati dal ministero dell’istruzione.

Nelle 60 domande del nuovo test ci saranno quindi 12 quesiti di cultura generale che si baseranno sugli argomenti storici, sociali, istituzionali e letterari presenti nel programma scolastico dell’ultimo anno delle superiori. Una sorta di continuità con l’esame di maturità visto che sono previsti anche i quesiti relativi all’area di Cittadinanza e Costituzione, presente per la prima volta anche nell’esame di Stato di giugno.

Ci saranno poi 10 quesiti di ragionamento logico, 18 di biologia, 12 di chimica e 8 di fisica e matematica. Puntando sulla cultura generale, quindi restando nell’ambito dei programmi scolastici, si cercherà di evitare tutte quelle domande di logica che in passato avevano provocato perplessità, proteste e anche ricorsi. Si tratta di una piccola riforma che interessa anche tutti gli altri test, che arriveranno nei giorni a seguire: domani si parte con medicina, il 4 settembre sarà la volta di veterinaria e il 5 di architettura. Dopo questo primo blocco torneranno tra i banchi i candidati per il test di ingresso per le professioni sanitarie l’11 settembre, il 12 toccherà ai candidati per il test di medicina in inglese e il 13 settembre per scienze della formazione primaria.

Non ci resta quindi che augurare un grandissimo in bocca al lupo ai neo maturi affinchè i loro sforzi siano ripagati e affinchè possano ottenere una possibilità per realizzare i loro sogni e aspirazioni.

leggi tutto