close

Sport

CronacaSport

È ufficiale: non è consentito lo sport all’aperto

sport

Dopo recenti decreti e dichiarazioni, il Tar conferma: lo sport non è consentito.

Oggi è stato depositato il decreto cautelare monocratico con cui il tribunale amministrativo ha respinto l’istanza cautelare di sospensione dell’ordinanza del presidente della Regione. Data l’attuale situazione sanitaria e il crescente numero di infetti, l’attività fisica all’aperto non è consentita. Secondo i dati che pervengono all’Unità di crisi istituita con Decreto del Presidente della Giunta regionale della Campania, è chiaro che nonostante le misure in precedenza adottate, i numeri di contagio sono in continua e forte crescita nella regione. Al fine di tutelare la salute pubblica, quindi, gli atleti dovranno allenarsi in casa.

leggi tutto
Sport

UEFA, Barcellona-Napoli rinviata! Sospese Champions e Europa League

UEFA, rinviata Barcellona-Napoli

Barcellona-Napoli non si giocherà. Dopo un periodo di forti contrasti, arriva finalmente la decisione ufficiale da parte dell’UEFA: una scelta che era comunque nell’aria da un po’ di tempo e che ha acquisito ancora più forza nelle ultime ore, dopo che il Coronavirus Covid-19 ha cominciato ad estendersi un po’ ovunque in Europa toccando squadre come la Juventus, l’Inter, l’Arsenal, il Chelsea e il Real Madrid.

Tutte le partite di Champions League e di Europa League, quindi, sono rinviate a data da destinarsi, in attesa di ulteriori sviluppi in occasione dell’assemblea UEFA che si terrà  martedì 17 marzo circa le date in cui far disputare le varie partite.

 

 

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook La Bussola TV per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram!

leggi tutto
CronacaSport

Serie A, Rugani e Gabbiadini positivi al Covid: il punto della situazione

Daniele Rugani

Serie A: a distanza di 18 ore circa l’uno dall’altro, Daniele Rugani, difensore della Juventus e della Nazionale, e Manolo Gabbiadini, attaccante della Sampdoria, sono risultati positivi al Coronavirus.

Subito numerosi i messaggi d’affetto da parte degli appassionati di calcio nei confronti dei due calciatori, che hanno immediatamente tranquillizzato i tifosi tramite un messaggio sui social in cui hanno spiegato di stare bene e di risultare del tutto asintomatici (nel caso di Rugani) o leggermente febbricitanti (nel caso, invece, di Gabbiadini): Juventus e Sampdoria hanno subito disposto lo stato di quarantena per 15 giorni a tutti i loro calciatori, e anche Inter e Verona, avversarie nell’ultimo turno di campionato rispettivamente della Juventus e della Sampdoria, si sono accodate alla decisione della quarantena.

E intanto, la situazione inizia a farsi seria anche in Europa e nel resto del mondo: come le quattro società italiane sopracitate, anche il Real Madrid ha disposto la quarantena a tutti i suoi calciatori, a seguito della positività al virus di un giocatore della squadra di basket del Real, che si allena nello stesso centro sportivo della squadra di calcio. I madrileni salteranno la trasferta di Manchester che avrebbe dovuto vederli in azione contro il City di Guardiola per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League.

Si ferma anche la Premier League inglese, in quanto sono stati trovati positivi al virus tre calciatori del Leicester, il cui nome però non è stato ancora comunicato, e si ferma fino al 31 marzo anche il campionato olandese.

Stop anche alla Champions League e all’Europa League, Europei a rischio rinvio: martedì 17 marzo si terrà l’assemblea dell’UEFA per decidere cosa fare della Champions League e dell’Europa League, e anche gli Europei, il cui inizio è programmato per il 12 giugno con gara inaugurale a Roma, rischiano di slittare.

Anche la NBA a rischio stop: partite posticipate, e forse annullate, gare a porte chiuse e possibile riduzione, o addirittura sospensione, del calendario.

In attesa di ulteriori sviluppi, invece, il calcio italiano resterà fermo fino al 3 aprile, ma ad oggi non è da escludere lo stop a tutte le competizioni nazionali, dalla Serie A alle categorie inferiori.

 

 

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook La Bussola TV per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram!

 

 

leggi tutto
Sport

Coronavirus: i tifosi del Napoli donano i rimborsi della trasferta di Barcellona al Cotugno

Come previsto, Barcellona-Napoli valevole per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League si giocherà a porte chiuse a causa delle ultime disposizioni in merito al Coronavirus. La società azzurra, subito dopo la notizia, ha comunicato le modalità di rimborso dei biglietti: “Ticket one provvederà, nei prossimi giorni, allo storno dell’importo addebitato su carta di credito“.

Alcuni tifosi azzurri hanno deciso di destinare l’importo del rimborso alla raccolta fondi in favore dell’Ospedale Cotugno.

Le donazioni possono effettuate da chiunque sul sito GoFundMe.

Anche i tifosi dell’Atalanta hanno deciso di donare i rimborsi dei tagliandi validi per la partita contro il Valencia all’Ospedale Giovanni XXIII di Bergamo, impegnati in prima linea alla cura contro il Coronavirus.

Inoltre, numerose sono state le donazioni da parte dei presidenti di alcuni club di Serie A.

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook de La Bussola TV per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram!

leggi tutto
Sport

Barcellona-Napoli al Camp Nou si giocherà a porte chiuse

Napoli-Barcellona

Ora è ufficiale: anche Barcellona-Napoli, sfida di ritorno degli ottavi di finale di Champions League che si disputerà al Camp Nou in terra catalana, verrà disputata a porte chiuse. La decisione definitiva è arrivata dalla sede del Dipartimento di Salute della Catalogna.

Non è la prima volta che i catalani si trovano a disputare partite a porte chiuse nel proprio stadio: infatti, il primo match risale al 2017, un secco 3-0 dei blaugrana contro il Las Palmas firmato dalla rete di Busquets e dalla doppietta di Leo Messi.

Anche le sfide Valencia-Atalanta e l’andata degli ottavi di finale di Europa League Siviglia-Roma verranno disputate a porte chiuse, nonostante le richieste di alcuni membri della società del Valencia di poter disputare regolarmente il match a porte aperte.

Napoli che quindi andrà a caccia di una difficile ma assolutamente non impossibile impresa in terra catalana, in casa di un Barcellona privo del calore del suo pubblico.

 

 

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook La Bussola TV per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram!

leggi tutto
Sport

Spadafora: “La FIGC valuti lo STOP immediato della SERIE A”

La FIGC valuti lo STOP immediato della SERIE A, è questo l’appello del Ministro dello Sport Vincenzo Spafafora.

La richiesta era già stata avanzata da Damiano Tommasi, Presidente dell’Associazione Italiana Calciatori

“Non ha senso in questo momento , mentre chiediamo enormi sacrifici ai cittadini per impedire la diffusione del contagio, mettere a rischio la salute dei giocatori, degli arbitri, dei tecnici, dei tifosi che sicuramente si raduneranno per vedere le partite, solo per non sospendere temporaneamente il calcio e intaccare gli interessi che ruotano attorno ad esso”, scrive il ministro Spadafora.

“Altre Federazioni – aggiunge – hanno saggiamente optato per uno stop per i prossimi giorni. Credo sia dovere del presidente della FIGC, Gravina, un supplemento di riflessione, senza attendere il primo caso di contagio, prima di assumersi questa gravosa responsabilità”.

Sulla possibilità delle partire di Serie A in chiaro

Il ministro aveva espresso la sua volontà affinché tutte le partite della Serie A fossero trasmesse in chiaro. Ma l’ipotesi può dirsi definitivamente tramontata.  A chiarirlo è il Ministro nello stesso post: “Nei vari contatti di ieri, infatti, anche grazie alla collaborazione di Rai e Mediaset, si era arrivati vicini ad una soluzione equa per tutti gli attori e soprattutto di grande conforto per i tanti cittadini appassionati di calcio. E invece sono prevalsi gli interessi economici di realtà che pretendono di godere da sempre di un trattamento privilegiato e che vivono ormai fuori dalla realtà”.

_

 

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook de La Bussola TV per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram Twitter!

leggi tutto
Sport

ULTIM’ORA: rinviata Napoli-Inter di Coppa Italia

Rinviata la semifinale di ritorno di Coppa Italia Napoli-Inter. La partita era in programma allo stadio San Paolo per domani sera, ma non si disputerà (ufficiale nelle prossime ore) a causa dell’emergenza Coronavirus.

Nel corso della giornata la Lega Calcio comunicherà la decisione anche per il campionato.

leggi tutto
Sport

Milik, non c’è accordo per il rinnovo: addio più di un’ipotesi

Milik

Non c’è l’accordo per il rinnovo contrattuale di Arkadiusz Milik. Il polacco aveva chiesto, per rinnovare il suo contratto con il Napoli, 5 milioni all’anno fino al 2024 e una clausola rescissoria non superiore ai 50 milioni di euro: condizioni che al presidente Aurelio De Laurentiis sono parse inaccettabili, e pare che manchino i margini per proseguire nella trattativa, quindi l’ipotesi più probabile, ad ora, sembra quella della cessione nel corso della sessione estiva del calciomercato.

Milik, nel corso della stagione corrente, ha collezionato 15 presenze e 9 gol, ma non è quasi mai stato decisivo e, dal rientro di Mertens dopo l’infortunio, ha perso anche la titolarità.

La società che da mesi sta cercando di trattare il suo rinnovo, ma al momento la situazione pare ancora molto lontana dalla conclusione. Nel frattempo ci si cautela con Petagna, bomber della Spal che arriverà in estate, e si sonda Belotti del Torino.

 

 

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook de La Bussola TV per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram!

leggi tutto
Sport

Il Napoli continua a scalare: battuto per 2-1 il Torino al San Paolo

Kostas Manolas

Il Napoli continua ad ingranare: la squadra di Gattuso ha battuto il Torino di Moreno Longo con un 2-1 di misura, sotto gli occhi del presidente Aurelio De Laurentiis e frutto di una buonissima prestazione degli undici scesi in campo.

La partita è iniziata subito su ritmi altissimi, con Milik subito vicino al gol dopo otto minuti di gioco, con Sirigu che si fa trovare pronto; la partita procede con squadre molto lunghe sul terreno di gioco, il Napoli prende in mano il pallino del gioco ma Insigne, da posizione appetibile, perde due occasioni per andare in porta. Il gol del vantaggio azzurro arriva al minuto 19, con Insigne che pennella in mezzo un pallone che Manolas insacca alle spalle di Sirigu; Torino che, dopo il gol, prova a salire in avanti ma non riesce a trovare spazi. Primo tempo che si conclude con un altro intervento di Sirigu su un colpo di testa di Milik.

Il secondo tempo si apre sulle orme del primo, con il Napoli che continua a controllare il gioco e il Torino che non riesce mai ad essere pericoloso dalle parti di Ospina; ci sarà in seguito un episodio dubbio in area di rigore del Torino, con un tocco di braccio sospetto di Izzo giudicato regolare dal VAR. Il gol del raddoppio arriva al minuto 82, con Di Lorenzo che mette in porta senza troppe difficoltà un bel cross di Mertens, che era chiamato stasera all’appuntamento con il gol numero 122, che gli avrebbe permesso di superare Marek Hamsik nella classifica all-time dei marcatori del Napoli; Torino che prova la reazione e riesce ad accorciare le distanze con Edera al minuto 91.

Napoli che continua quindi la sua risalita verso la zona Europa League agguantando il sesto posto e conferma una buona tenuta fisica e mentale dopo il pareggio di Champions League contro il Barcellona dello scorso martedì.

 

Di seguito il tabellino del match:

Napoli-Torino 2-1 (19′ Manolas, 82′ Di Lorenzo, 91′ Edera)

Ammoniti: 36′ Rincon, 40′ Zaza, 92′ Ansaldi, 93′ Allan.

Sostituzioni: Meitè S. per Baselli D. al 66′, Mertens D. per Milik A. al 74′, Allan M. per Lobotka S. al 79′, Verdi S. per Rincon T. all’83’, Edera S. per Zaza S. e Elmas E. per Politano M. all’84’.

Assist: Insigne, Mertens, Ansaldi.

 

 

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook La Bussola TV per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram!

 

 

leggi tutto
Sport

ULTIM’ORA: rinviate le cinque partite “a rischio” in Serie A

Per far fronte all’emergenza Coronavirus, la Lega Serie A ha deciso di rinviare le cinque partite di Serie A “a rischio” che, fino alla giornata di ieri, si sarebbero dovuti disputare a porte chiuse.

I match saranno recuperati il 13 maggio con il conseguente rinvio della finale di Coppa Italia al 20 maggio.

Le partite

– Udinese-Fiorentina
– Milan-Genoa
– Parma-Spal
– Sassuolo-Brescia
– Juventus-Inter

Il comunicato

“Visto l’articolo 1. co. 1 lett. A) del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 25 febbraio 2020 “Ulteriori disposizioni attuative del decretolegge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”; considerato il susseguirsi di numerosi interventi normativi urgenti da parte del Governo per rispondere a questa straordinaria emergenza a tutela della salute e della sicurezza pubblica; il Presidente della Lega Nazionale Professionisti Serie A comunica che sono rinviate le seguenti gare della 7^ giornata di ritorno del Campionato di Serie A TIM, inizialmente previste a porte chiuse come da Comunicato Ufficiale n. 191 del 27 febbraio 2020”.

Segui tutti gli aggiornamenti sul nostro sito e il programma “Area di rigore” in onda tutti i venerdì sulla nostra pagina Facebook: La Bussola TV

leggi tutto