close

Politica

CronacaPolitica

Coronavirus, Consigliere leghista sbotta: “I poveri di Napoli avranno più soldi di quelli di Milano”

Il consigliere regionale leghista Alessandro Corbetta ha commentato il provvedimento emesso dal Governo che prevede 400 milioni per le famiglie in difficoltà.

E’ un governo palesemente nemico della Lombardia che usa due pesi e due misure. Il criterio di ripartizione dei fondi destinati dal governo ai comuni italiani, inversamente proporzionale al Pil prodotto, ha finito inevitabilmente per penalizzare i Comuni più colpiti dall’emergenza Coronavirus. Una vergogna che si aggiunge alle tante incertezze ed errori compiuti dal governo Conte nella gestione dell’emergenza per cui prima o poi faremo i conti. La disparità è evidente e appare chiara quando si confrontano Comuni che hanno circa lo stesso numero di abitanti. Qualche esempio: Alzano Lombardo, uno dei più tristemente colpiti dal virus, che ha 13.655 abitanti riceve 72.392 euro; Bellizzi, 13546 abitanti riceve 125.446 euro. Monza (123397 abitanti) riceve 651.582 euro mentre Giugliano, 123.490 abitanti, ne ottiene 1.204.772; Milano con un 1,38 milioni di abitanti riceve meno di Napoli che di abitanti ne ha 959 mila: 7,2 milioni di euro del capoluogo lombardo contro i 7,6 della città partenopea.

leggi tutto
Politica

Napoli, De Magistris: “Il Governo deve istituire il Reddito di quarantena”

De Magistris

“Il Governo deve istituire immediatamente il reddito di quarantena per tutte le persone che sono rimaste prive di denaro”.

Lo scrive su Twitter il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris.

“E’ necessario – aggiunge de Magistrisimmettere subito liquidità nelle loro tasche per consentirgli di avere beni di prima necessità. Napoli fa e farà la sua parte”, conclude.

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook de La Bussola per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram!

leggi tutto
CronacaPolitica

Campania: Nuove assunzioni in sanità, in arrivo anche i tedeschi

Nuove assunzioni in sanità per la Regione Campania. Sbloccate le graduatorie dei concorsi. Sanitari tedeschi in arrivo all’Asl Napoli 3 Sud.

Coronavirus – Enrico Coscioni, il consigliere del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, fa sapere all’Ansa che hanno provveduto a fare nuove e importanti assunzioni in sanità.

Coscioni spiega:

“Abbiamo reclutato 104 dirigenti medici, 160 specializzandi, 419 infermieri e 188 operatori socio sanitari. Un grande sforzo per rafforzare la nostra capacità di fronteggiare il coronavirus”.

Sono state sbloccate le graduatorie dei concorsi per la sanità, quindi il personale medico è stato assunto in base allo scorrimento delle stesse. Si tratta sia di contratti a tempo determinato che di contratti a tempo indeterminato.

Coscioni ha aggiunto anche che i sanitari in arrivo dalla Germania saranno tutti diretti all’ASL Napoli 3 Sud:

“Si tratta al momento di due anestesisti e due infermieri specializzati che andranno all’ASL Napoli 3 Sud, arriveranno in un paio di giorni”.

__

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook La Bussola TV per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram!

leggi tutto
CulturaPolitica

Cos’ha detto Draghi al Financial Times, e perché è così importante

Ecco le dichiarazioni dell’ex numero uno della Banca Centrale Europea riportate dal sito di SkyTG24.  “La perdita di reddito del settore privato – e ogni debito assunto per riempirla – deve essere assorbita, totalmente o in parte, dai bilanci pubblici. Debiti pubblici più alti diventeranno una caratteristica delle nostre economie e saranno accompagnati dalla cancellazione del debito privato”. A suggerire una soluzione per risollevare l’economia travolta dal coronavirus è l’ex presidente della Bce, Mario Draghi, in un lungo editoriale per il Financial Times in cui sottolinea che “il corretto ruolo dello Stato e’ utilizzare il proprio bilancio per proteggere cittadini ed economia contro gli shock di cui il settore privato non è responsabile e che non può assorbire”.

“Fare come è già successo in guerra”

Draghi sottolinea che “gli Stati hanno già fatto così” in occasione di altre emergenze. Le guerre, ad esempio, osserva l’ex governatore della Banca d’Italia, “sono state finanziate da un aumento del debito pubblico”. Durante la prima guerra mondiale, in Italia e in  Germania, tra il 6 e il 15% delle spese in termini reali furono coperte dalla fiscalità” E oggi, rileva Draghi, si tratta di combattere contro il coronavirus e le sue conseguenze in termini umani ed economici.

“Gli Stati devono evitare che cittadini perdano il lavoro”

Secondo Draghi, “la questione chiave non è se ma come lo Stato possa utilizzare in maniera efficace il suo bilancio. La priorità”, aggiunge, “non deve essere soltanto fornire un reddito base a coloro che hanno perso il proprio lavoro.  Innanzitutto dobbiamo evitare che le persone perdano il proprio lavoro. Se non lo faremo usciremo da questa crisi con un tasso e una capacità produttiva permanentemente più bassi”. Per proteggerli, “serve un immediata iniezione di liquidità”, che è “essenziale per le aziende per coprire le spese operative durante la crisi, si tratti di grandi, piccole o medie imprese o lavoratori autonomi”.

“Mobilitare l’intero sistema finanziario”

Draghi promuove le misure assunte finora ma chiede “un approccio più complessivo”. L’unico modo per evitare il crack dell’intera economia, avverte, “è mobilitare pienamente l’intero sistema finanziario: mercato obbligazionario, soprattutto per le grandi aziende, sistema bancario e in alcuni Paesi anche quello postale”. E ciò insiste, “va fatto immediatamente, evitando ritardi burocratici”. Le banche, ad esempio, dovrebbero prestare denaro a costo zero alle imprese disposte a salvare i posti di lavoro. In questo modo, spiega, “diventerebbero “strumenti di politica pubblica” e “il capitale di cui hanno bisogno per svolgere questo compito deve essere fornito dal governo sotto forma di garanzie statali”.

“Una profonda recessione è inevitabile”

Secondo Draghi, “una profonda recessione è inevitabile. La sfida”, afferma, “è come agire con sufficiente forza e  rapidità affinchè non si trasformi in una prolungata depressione, resa più profonda da una pletora di fallimenti che lascerebbero danni irreversibili”. Di fronte a una guerra non resta che una mobilitazione comune. E “come europei”, conclude Draghi, siamo chiamati “a darci supporto l’un l’altro per quella che è , in tutta evidenza, una causa comune”.

Dom.VRG

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook de La Bussola TV per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram!

 

leggi tutto
Politica

+++ ULTIM’ORA: Prorogato il divieto di uscire di casa fino al 14 Aprile +++

vincenzo-de-luca-coronavirus-3276262.660x368

“1.Con decorrenza dalla data del 26 marzo 2020 e fino al 14 aprile 2020 su tutto il territorio regionale è
prorogato il divieto di uscire dalla abitazione, ovvero residenza, domicilio o dimora nella quale ci si
trovi, ai sensi e per gli effetti dell’Ordinanza del Ministro della Salute e del Ministro dell’Interno 22
marzo 2020 e del DPCM 22 marzo 2020. Sono ammessi esclusivamente spostamenti temporanei ed
individuali, motivati da comprovate esigenze lavorative per le attività consentite, ovvero per situazioni
di necessità o motivi di salute”

Con un ordinanza firmata nelle ultime ore, Vincenzo De Luca  proroga le attuali norme restrittive contro il coronavirus portandole fino al 14 aprile. Ecco come procede l’ordinanza: 

2.E’ consentita la presenza di un accompagnatore esclusivamente nei seguenti casi:
– nel caso di spostamento per motivi di salute, ove lo stato di salute del paziente ne imponga la
necessità;
– nel caso di spostamento per motivi di lavoro, purché si tratti di persone appartenenti allo stesso
nucleo familiare e in relazione al tragitto da/per il luogo di lavoro di uno di essi.
3. Ai sensi della presente ordinanza, sono considerate situazioni di necessità quelle correlate ad
esigenze primarie delle persone, per il tempo strettamente indispensabile, e degli animali d’affezione,
per il tempo strettamente indispensabile e comunque in aree contigue alla propria residenza, domicilio
o dimora. Non è consentita l’attività sportiva, ludica o ricreativa all’aperto in luoghi pubblici o aperti al
pubblico.
4. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, il mancato rispetto degli obblighi di cui al presente
provvedimento e’ punito, ai sensi dell’art.650 del codice penale, con l’arresto fino a tre mesi o con
l’ammenda fino a duecentosei euro, secondo quanto previsto dal decreto legge 3 febbraio 2020, n.6,
convertito dalla legge 5 marzo 2020, n. 13 e ss.mm.ii.
5. La trasgressione degli obblighi di cui alla presente ordinanza comporta, altresì, per l’esposizione al
rischio di contagio cui si è sottoposto il trasgressore, l’obbligo di segnalazione al competente
Dipartimento di prevenzione dell’ASL ai fini della eventuale disposizione, tenuto conto della
circostanze in cui si è verificata l’uscita in violazione del presente provvedimento – contestate all’atto
dell’accertamento della violazione ovvero comunque comprovate – e del rischio di contagio nella
specifica fattispecie, della misura della permanenza domiciliare con isolamento fiduciario, per 14 giorni
e con obbligo di rimanere raggiungibile per ogni eventuale attività di sorveglianza.
6. Fatti salvi gli interventi disposti dalle competenti Autorità al fine del controllo dell’osservanza delle
misure disposte con il presente provvedimento, si raccomanda ai Comuni di intensificare il
monitoraggio e il controllo sul proprio territorio, assicurando l’intervento della Polizia Municipale nelle
zone ove si registri persistenza di presenza diffusa nelle aree pubbliche o aperte al pubblico, anche ai
fini della segnalazione all’ASL per il seguito di competenza ai sensi di quanto disposto dal precedente
punto 5.
7. La presente ordinanza è comunicata al Ministro della Salute, ai sensi dell’art.3, comma 2 decretolegge 23 febbraio 2020, n. 6, recante “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione
dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019”, convertito dalla legge 5 marzo 2020, n. 13.
La presente ordinanza è altresì notificata all’Unità di Crisi regionale, ai Comuni, alle AASSLL, ai
Prefetti della Regione ed e’ trasmessa al Presidente del Consiglio dei Ministri.
La presente ordinanza è pubblicata sul sito istituzionale della Regione e sul BURC.
Avverso la presente Ordinanza è ammesso ricorso giurisdizionale innanzi al Tribunale Amministrativo
Regionale nel termine di sessanta giorni dalla pubblicazione, ovvero ricorso straordinario al Capo dello
Stato entro il termine di giorni centoventi”

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook de La Bussola per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram!

leggi tutto
Politica

Emergenza Covid, Barbara Preziosi (Italia Viva): «Vergognoso lasciare senza protezioni i medici di famiglia».

Barbara Preziosi Italia Viva

«Assurdo che i medici di medicina generale non ricevano dalle istituzioni sanitarie quelle protezioni individuali che servirebbero a proteggerli dal contagio, proteggendo così anche i loro pazienti».

Barbara Preziosi, coordinatrice provinciale di Italia Viva, commenta così un dramma

«che si sta consumando in un silenzio assordante».

La coordinatrice provinciale di Italia Viva fa sue le preoccupazioni espresse non solo dai professionisti della categoria, ma anche dai pazienti più fragili, che stando a contatto con i medici sono esposti a loro volta al rischio di un contagio.

«Imponiamo giustamente ai cittadini misure restrittive – commenta Preziosi – e poi non ci curiamo di proteggere dal contagio le centinaia di medici di medicina generale che si prendono cura delle cronicità sul territorio, mettendo così a rischio la loro salute e quella dei pazienti stessi».

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook de La Bussola per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram!

leggi tutto
CronacaPolitica

Guido Bertolaso positivo al Covid-19

Guido Bertolaso è risultato positivo al Covid 19. Aveva da poco ricevuto la nomina di consulente del Presidente della regione Lombardia, per la gestione dell’emergenza Coronavirus.

L’annuncio arriva tramite il suo profilo Facebook.

Sono positivo al Covid-19. Quando ho accettato questo incarico sapevo quali fossero i rischi a cui andavo incontro, ma non potevo non rispondere alla chiamata per il mio Paese. Ho qualche linea di febbre, nessun altro sintomo al momento. Sia io che i miei collaboratori più stretti siamo in isolamento e rispetteremo il periodo di quarantena. Continuerò a seguire i lavori dell’ospedale Fiera e coordinerò i lavori nelle Marche. Vincerò anche questa battaglia

leggi tutto
Politica

Campania, Articolo 1 striglia De Luca: “Chiarezza sulla reale situazione sanitaria”

Come era chiaro già dai primi momenti, l’emergenza dovuta al covid-19 ha inevitabilmente fatto emergere la figura di Vincenzo De Luca, così come sono emerse le figure di Conte e di tutti i sindaci chiamati a tenere le redini e ad assumere decisioni in un clima tanto delicato.

A ciò sono subentrate, come è altrettanto naturale che sia, aspre critiche da parte delle fazioni politiche avverse. Una su tutte è Articolo 1, movimento staccatosi dal PD e che chiede al Presidente un operazione di chiarezza sulla reale situazione sanitaria campana. 

“Non possiamo non prendere in considerazione il grido che, nella nostra regione, viene dal personale sanitario. La voce di chi esposto in prima persona al rischio de contagio […] Dall’inizio questi denunciano l’indisponibilità di protezioni individuali e di presidi medici adeguati. La carenza di tamponi e il ritardo nelle risposte su quelli effettuati, il verificarsi di situazioni non gestite nella maniera adeguata in qualche Asl, mentre la stessa assistenza domiciliale presenta carenze e problemi”. 

Sono le parole rivolte dai vertici di Articolo 1 Michele Gravano, Francesco Dinacci, Francesco Todisco, Alessandro Tartaglione e Gianluca Aceto al Governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca 

Si chiede quindi di “adottare misure adeguate, prevedendo di attrezzare ulteriori strutture con i medici e il personale sanitario che dichiareranno la loro disponibilità, così come, pur plaudendo all’acquisto di tamponi rapidi, sarà sarà opportuno prevedere l’ampliamento del numero di laboratori per i test in modo da avere risposte in minor tempo.”

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook de La Bussola per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram!

leggi tutto
Politica

Conte firma un nuovo decreto, ecco le aziende che potranno rimanere aperte

attività che restano aperte

Arriva dunque la firma ufficiale da parte del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, dopo la conferenza stampa di ieri sera dove veniva preannunciata una ulteriore stretta per far fronte all’emergenza Coronavirus.

Oltre ai supermercati, farmacie e parafarmacie, resteranno aperti anche negozi di pc, smartphone e informatica in generale. Così come banche, Poste. Ma andranno a lavorare anche i dipendenti dei call center e dei corrieri.

01 Coltivazioni agricole e produzione di prodotti animali
03 Pesca e acquacoltura
05 Estrazione di carbone
06 Estrazione di petrolio greggio e di gas naturale
09.1 Attività dei servizi di supporto all’estrazione di petrolio e di gas naturale
10 Industrie alimentari
11 Industria delle bevande
13.96.20 Fabbricazione di altri articoli tessili tecnici ed industriali
13.94 Fabbricazione di spago, corde, funi e reti
13.95 Fabbricazione di tessuti non tessuti e di articoli in tali materie (esclusi gli articoli di abbigliamento)
14.12.00 Confezioni di camici, divise e altri indumenti da lavoro
16.24.20 Fabbricazione di imballaggi in legno
17 Fabbricazione di carta
18 Stampa e riproduzione di supporti registrati
19 Fabbricazione di coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio
20 Fabbricazione di prodotti chimici
21 Fabbricazione di prodotti farmaceutici di base e di preparati farmaceutici
22.1 Fabbricazione di articoli in gomma
22.2 Fabbricazione di articoli in materie plastiche
23 Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi
24 Metallurgia
25 Fabbricazione di prodotti in metallo
26 Fabbricazione di computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi  elettromedicali, di misurazione e orologi
27 Fabbricazione di apparecchiature elettriche di apparecchiature per uso domestico non elettriche
28.3 Fabbricazione di macchine per l’agricoltura e la silvicoltura
28.93 Fabbricazione di macchine per l’industria alimentare, delle bevande e del tabacco (incluse parti e accessori)
28.94.30 Fabbricazione di apparecchiature e di macchine per lavanderie e stirerie (incluse parti e accessori)
28.95.00 Fabbricazione di macchine per l’industria della carta e del cartone (incluse parti e accessori)
28.96 Fabbricazione di macchine per l’industria delle materie plastiche e della gomma (incluse parti e accessori)
28.99.10 Fabbricazione di macchine per la stampa e la legatoria (incluse parti e accessori)
28.99.20 Fabbricazione di robot industriali per usi molteplici (incluse parti e accessori)
32.50 Fabbricazione di strumenti e forniture mediche e dentistiche
32.99.1 Fabbricazione di attrezzature ed articoli di vestiario protettivi di sicurezza
32.99.4 Fabbricazione di casse funebri
33 Riparazione, manutenzione e installazione di macchine e apparecchiature
35 Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata
36 Raccolta, trattamento e fornitura di acqua
37 Gestione delle reti fognarie
38 Attività di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti; recupero dei materiali
39 Attività di risanamento e altri servizi di gestione dei rifiuti
42 Ingegneria civile
43.2 Installazione di impianti elettrici, idrauli ed altri lavori di installazione di costruzione
45.2 Manutenzione e riparazione di autoveicoli
45.3 Commercio di parti e accessori di autoveicoli
45.4 Per la sola attività di manutenzione e riparazione di motocicli e commercio di relative parti e accessori
46.2 Commercio all’ingrosso di materie prime agricole e animali vivi
46.3 Commercio all’ingrosso di prodotti alimentari, bevande e prodotti del tabacco
46.43 Commercio all’ingrosso di elettrodomestici, elettronica di consumo audio e video; articoli per fotografia, cinematografia e ottica
46.46 Commercio all’ingrosso di prodotti farmaceutici
46.47.3 Commercio all’ingrosso di articoli per l’illuminazione; materiale elettrico vario per uso domestico
46.49.2 Commercio all’ingrosso di libri riviste e giornali
46.49.10 Commercio all’ingrosso di carta, cartone e articoli di cartoleria
46.5 Commercio all’ingrosso di apparecchiature ICT
46.61 Commercio all’ingrosso di macchinari, attrezzature, macchine, accessori, forniture agricole e utensili agricoli, inclusi i trattori
46.69.19 Commercio all’ingrosso di altri mezzi ed attrezzature da trasporto
46.69.20 Commercio all’ingrosso di materiale elettrico per impianti ad uso industriale
46.69.91 Commercio all’ingrosso di strumenti e attrezzature ad uso scientifico
46.69.94 Commercio all’ingrosso di articoli antincendio e antinfortunistici
46.69.99 Commercio all’ingrosso di altre macchine ed attrezzature per l’industria, il commercio e la navigazione n.c.a
46.71 Commercio all’ingrosso di prodotti petroliferi e lubrificanti da autotrazione, di combustibili per il riscaldamento
46.73.10 Commercio all’ingrosso di legname, semilavorati in legno e legno artificiale
49 Trasporto terrestre e trasporto mediante condotte
50 Trasporto marittimo e per vie d’acqua
51 Trasporto aereo
52 Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti
53 Servizi postali e attività di corriere
55.1 Alberghi e strutture simili
j (DA 58 A 63) Servizi di informazione e comunicazione
K (da 64 a 66) Attività finanziarie e assicurative
69 Attività legali e contabili
70 Attività di direzione aziendali e di consulenza gestionale
71 Attività degli studi di architettura e d’ingegneria; collaudi ed analisi tecniche
72 Ricerca scientifica e sviluppo
74 Altre attività professionali, scientifiche e tecniche
75 Servizi veterinari
77.11 Noleggio di autovetture ed autoveicoli leggeri
77.12 Noleggio di autocarri e di altri veicoli pesanti
77.31.00 Noleggio di macchine e attrezzature agricole
77.34.00 Noleggio di mezzi di trasporto marittimo e fluviale
77.35.00 Noleggio di mezzi di trasporto aereo
77.39.10 Noleggio di altri mezzi di trasporto terrestri
77.39.91 Noleggio di container adibiti ad alloggi o ad uffici
77.39.92 Noleggio di container per diverse modalità di trasporto
77.39.93 Noleggio senza operatore di attrezzature di sollevamento e movimentazione merci: carrelli elevatori, pallet eccetera
80.1 Servizi di vigilanza privata
80.2 Servizi connessi ai sistemi di vigilanza
81.2 Attività di pulizia e disinfestazione
82.20.00 Attività dei call center
82.92 Attività di imballaggio e confezionamento conto terzi
82.99.2 Agenzie di distribuzione di libri, giornali e riviste
84 Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale obbligatoria
85 Istruzione
86 Assistenza sanitaria
87 Servizi di assistenza sociale residenziale
88 Assistenza sociale non residenziale
94 Attività di organizzazioni economiche, di datori di lavoro e professionali
95.11.00 Riparazione e manutenzione di computer e periferiche
95.12.01 Riparazione e manutenzione di telefoni fissi, cordless e cellulari
95.12.09 Riparazione e manutenzione di altre apparecchiature per le comunicazioni
95.22.01 Riparazione di elettrodomestici e di articoli per la casa
97 Attività di famiglie e convivenze come datori di lavoro per personale domestico
leggi tutto
Politica

De Luca chiama Conte: “Bisogna bloccare i rientri verso il Sud”

De Luca Coronavirus

L’ennesima problematica sollevata dal Governatore De Luca riguarda i flussi di tutte le persone che, dopo la chiusura della attività in Lombardia, sono pronte a fare rientro nelle loro città d’origine. Il rischio è quello di rendere vani tutti gli sforzi fatti durante queste due settimane di quarantena.  Difficile, anzi, impossibile controllare singolarmente le centinaia di persone che si dirigono verso il Sud che, nella maggior parte dei casi non si autodenunciano alle autorità competenti.

Il comunicato

#CORONAVIRUS: ho avuto questa mattina un colloquio con il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, al quale ho sollecitato l’adozione di misure drastiche per bloccare il prevedibile flusso di cittadini di ritorno al Sud e in Campania per la chiusura di attività produttive. Il Presidente Conte ha rassicurato: il Governo sta affrontando questa problematica per le decisioni di merito.

leggi tutto