close
Food&Drink

Il frutto che tiene a bada il colesterolo e non solo: la mela annurca

Foto di Carmen Cutarelli

Ormai è ampiamente risaputo che una mela al giorno toglie il medico di torno. Le mele hanno importanti proprietà benefiche ed in particolare la mela annurca che non a caso ha ottenuto anche la denominazione I.G.P garanzia di affidabilità e qualità.

La mela annurca è l’unica mela italiana originaria della Campania le cui coltivazioni si concentrano nel napoletano, casertano e beneventano.

È una mela di dimensioni molto piccole rispetto alle altre mele tipiche del nord Italia, ha una forma tondeggiante e leggermente appiattita, la buccia è liscia e cerosa e la polpa è di colore bianco, compatta e succosa.

Le mele annurche sono costituite da:

84% di acqua,

10% di carboidrati,

vitamine del gruppo A e B,

acido malico e ossalico,

minerali quali K Mg Fe

fibre al 2,20%

polifenoli come quercitina, epicatechina e procianidine; è in quest’ultime in cui è stata riscontrata l’azione ipocolesterolemizzante.

 

Le azioni della mela annurca sono diverse:

– antiossidante grazie ai polifenoli che contrastano l’azione dei radicali liberi

– favorisce la digestione per la cellulosa presente nella buccia

– favorisce la diuresi e sostiene la funzionalità renale soprattutto in caso di calcoli determinando l’eliminazione dell’acido urico.

– sembra avere un ottimo effetto nella cura della calvizia grazie all’azione della procianidina B2 che è in grado di consentire efficacemente la ricrescita dei capelli soprattutto nella chemioterapia.

– contrasta il colesterolo alto grazie all’azione delle procianidine.

Non tutte le mele però, contengono la stessa quantità di procianidine. L’università Federico II di Napoli attraverso uno studio in cui sono stati presi in considerazione gli estratti polifenolici di: mela Annurca, Pink Lady, Red Delcious, Fiuj, Goldene Delicoius, ha dimostrato che la mela annurca contiene un quantitativo maggiore di procianidine rispetto alle altre mele.

Sulla base di queste informazioni è stato svolto uno studio in vitro in cui sono state messe in coltura cellule epatiche ed estratti polifenolici delle singole mele ed è stato dimostrato che è proprio la mela Annurca ad inibire in quantità maggiori l’uptake del colesterolo. Sulla base di tali informazioni, sono state create delle capsule gastroresistenti contenenti estratti polifenolici di mela Annurca al fine di ottenere effetti considerevoli sulla riduzione dei livelli di colesterolo avvicinandoci al farmaco ma senza alcun effetto collaterale.

Vi proponiamo ora una ricetta:

La torta di mela annurca all’acqua è una versione semplice e leggera della classica torta di mele.

Grazie alla presenza delle mele e dell’acqua resta umida a lungo ed è perfetta sia a colazione che a merenda come comfort food!

 

INGREDIENTI

  • 3 mele
  • 3 uova
  • 250 g di farina 00
  • 240 g di zucchero
  • 130 g di acqua
  • 80 g di olio extra vergine
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • Zucchero di canna integrale

 

PROCEDIMENTO

In una ciotola con le fruste elettriche montate le uova con lo zucchero. Aggiungete la farina setacciata con lievito e l’acqua alternandole; unite l’olio a filo e mescolate bene. Imburrate e infarinate uno stampo da 24 cm.

Sbucciate e tagliate le mele a fette e mettetele in una ciotola con il succo di limone per non farle scurire. Versate un primo strato d’impasto nello stampo, fate uno strato di mele. Aggiungete con il restante impasto e terminate con le restanti mele. Cospargete con un po’ di zucchero di canna integrale.  Fate cuocere in forno preriscaldato a 170° per circa 50 -55 minuti.

A cura di Carmen Cutarelli e Assunta De Rosa