close
Eventi

Piano City torna a Napoli: le novità di questa edizione

Napoli ritorna al centro della scena musicale con un’iniziativa interessante e stimolante. Durante il prossimo fine settimana il 5, 6 e 7 Aprile la città sarà ricca di eventi e incontri dedicati al pianoforte con l’edizione 2019 di Piano City, diversi saranno i luoghi che ospiteranno i circa 250 concerti previsti per quest’anno.

Tutta Napoli in musica

Il Maschio Angioino sarà la location che ospiterà sabato 6 e domenica 7 la maggior parte degli eventi gratuiti, negli spazi dell’Antisala e della Sala dei Baroni, ma saranno aperte al pubblico anche la Sala della Loggia e il Corridoio dell’Armenia; ma non saranno esclusi dall’iniziativa Musei, Palazzi antichi, Biblioteche, le metropolitane, luoghi di passeggio della città e per concludere i concerti che rientrano nella sezione House Concert ovvero degli appuntamenti in alcuni splendidi salotti partenopei.

L’inaugurazione

Il giorno 5 Aprile alle ore 21, in Piazza del Plebiscito, si terrà l’evento inaugurale di Piano City. Ventuno pianoforti in concerto posizionati sotto il colonnato dell’imponente costruzione della basilica di San Francesco di Paola, offriranno al pubblico napoletano le composizioni appositamente scritte da Lorenzo Corrado, Andrea Laudante, Alfredo Giordano Orsini, tre giovani compositori studenti della scuola di Composizione di Patrizio Marrone, a cui si affida la supervisione del concerto. Il programma questa volta prevede un viaggio attraverso il repertorio operistico di Mozart, Puccini, Bizet, Rossini, in particolare famosissime ouverture di opere quali Il Flauto Magico, Manon Lescaut, Carmen, La Gazza ladra. Quest’anno per la prima volta 21 giovani candidati dei licei musicali della Campania, scelti attraverso un bando regionale indetto dal Miur e delegato all’U.S.R Campania, apriranno l’inaugurazione con l’esecuzione delle musiche di Satie e Mozart, l’ennesima dimostrazione di quanto Piano City sia un’iniziativa volta ad includere anche le nuove leve, appassionate di musica.

Non solo classica.

Il Festival si apre a tutti i generi di musica: dal jazz, alla contemporanea, dal rock, al pop assecondando i gusti di un pubblico variegato ed eclettico come quello partenopeo, e per ogni esibizione saranno presenti concertisti professionisti, nonché appassionati e studenti.

L’intento di Piano City  è quello di far conoscere ai più la musica da pianoforte quindi, seppur di matrice classica, non può non essere menzionata l’esecuzione integrale delle sonate di Domenico Scarlatti un’anteprima assoluta che vedrà i musicisti del Conservatorio di San Pietro a Majella impegnati dal 1 Aprile al 6 nel progetto che prende il nome di FORUM Scarlatti. Vi hanno preso parte anche dodici conservatori italiani, che hanno selezionato i loro allievi migliori per alternarsi nelle esecuzioni delle 288 di 550 sonate scelte per l’edizione 2019, che si terranno dalle ore 16 alle 19 nelle stanze dello storico Conservatorio partenopeo.

Un Festival che miete grandi successi

La prima edizione napoletana di Piano City, promossa dalla ditta Alberto Napolitano Pianoforti sita in Piazza Carità, fu presentata nell’Ottobre del 2013 e vide la partecipazione di circa 250 pianisti e collezionò ben 15 mila visitatori. Già nel 2015 con il supporto del Comune di Napoli e l’inaugurazione del Festival in piazza Plebiscito Piano City ha raccolto sempre più partecipazioni sia artistiche, che cittadine diventando a tutti gli effetti uno degli eventi culturali di maggior rilievo della Primavera Partenopea.

 

Tags : culturaeventilabussolamusicapianocity

Leave a Response