close
Cultura

Napoli è la città più “cool” del momento secondo Lonely Planet

napoli

La Lonely Planet, nota casa editrice australiana, celebra la città di Napoli nel suo ultimo articolo, definendola la più “cool” del momento: “Dimenticate i bar hipster arredati con pallet e lampadine. “Di notte i napoletani si riversano nelle strade e si ritrovano tra i bar di Piazza Bellini. Sul lato occidentale gli studenti si riuniscono al Caffè Dell’Epoca per i celebri spritz a 2€, dopodiché si dirigono verso i ritmi Afro del Teranga”. Chi cerca cocktail e musica live troverà bar sofisticati sul lato orientale della piazza, come Nea, che di giorno è una galleria d’arte, o il verde Intra Moenia, che è anche una casa editrice”, si legge sul sito.

Si può leggere anche, sul sito della guida:

“Con il suo forte spirito identitario, una cultura di strada senza veli e l’architettura dal fascino decadente la grinta di Napoli attrae chi è in cerca di una città ricca di carattere. Nel 20° secolo gli intellettuali d’avanguardia come Hemingway, Pablo Neruda e Andy Warhol erano sedotti da Napoli. Anche oggi giovani artisti e scrittori vengono qui, affascinati dal ritratto della città fatto da Elena Ferrante ne L’amica geniale o nel cult Gomorra, di Roberto Saviano. Seguite il loro esempio, magari per un weekend d’inizio autunno utilizzando la comoda Artecard Napoli 3 giorni, che vi offre sconti nei musei e vi permette di viaggiare illimitatamente sulla rete metropolitana dei trasporti”.

 

“Annidati tra dichiarazioni d’amore, graffiti e manifesti di protesta, la street art di talenti locali e internazionali decora le facciate della città. Persino il sindaco di Napoli ha dichiarato il suo supporto a questa forma d’arte sulla sua pagina Facebook. Potrete anche notare un Bansky, l’unico in Italia: una madonna grigio azzurra, con una pistola al posto dell’aureola”.

“Pasolini ammirava la capacità di Napoli di non soccombere al consumismo di massa e la sua pletora di piccole boutique indipendenti che sopravvive ancora oggi. In un anonimo cortile si nasconde sia il bizzarro Ospedale delle Bambole e l’elegante boutique Materia Mediterranea, che vende oggetti d’arte, ceramiche e gioielli fatti a mano. Troverete oggetti d’oro antico e gioielli di corallo da Leonardo Gaita in Via Toledo e celebri sartorie da uomo come Mariano Rubinacci, Camiceria Piccolo o l’ombrellaio Talarico, che hanno dettato lo stile ai dandy di tutta Europa per secoli”.

 

 

 

Tags : 24settembreLonelyplanetnapoli
Nicola Avolio

The author Nicola Avolio

Leave a Response