close
CronacaCultura

Napoli: devastata la libreria di via Duomo. Il bottino? 100 euro

Un amaro risveglio quello di Anna e Andrea, giovani imprenditori napoletani, che hanno trovato la loro libreria, l’ A&M Bookstore di via Duomo, completamente sottosopra.

Qualcuno, questa notte, ha distrutto la vetrina di quello che era diventato (o aspirava a diventare) il simbolo della rinascita della centralissima via Duomo lanciando una grande pietra. Il risultato? Scaffali rotti, libri ovunque, gadget distrutti e, soprattutto, ingenti danni alla stanza dedicata ai bambini, dove Anna e Andrea organizzano laboratori didattici dedicati al futuro delle nuove generazioni.

A mortificare in misura ancora maggiore il loro lavoro la cifra irrisoria del bottino incassato dai malviventi: appena cento euro.

Per ora nessuna ipotesi sulle motivazioni che hanno spinto i malviventi a compiere il fatto. Sul posto la polizia per i sopralluoghi di rito. I ragazzi  hanno infatti dichiarato di non aver ricevuto richieste di pizzo o intimidazioni.

Attraverso la loro pagina fb i titolari dell’ A&M Bookstore, per il momento, fanno trapelare solo tanta rabbia:

Furto con scasso alla A&M Bookstore, libreria di via Duomo

Noi vi ringraziamo per essere la Napoli che ti fa saltare dal sonno alle 6:30 con la notizia che ti hanno sfasciato il negozio. Vi ringraziamo per i danni recati a noi, due ragazzi che stanno 12 ore al giorno, 7 giorni su 7 a lavoro.. perché emigrare proprio non ci piaceva e allora si, restiamo qui nella nostra Terra. Noi vi ringraziamo perché ancora una volta Napoli non ci delude e ci ricorda che ha due facce, quella del mare, del sole, dell’arte e della cultura. L’altra è quella che un ragazzo di 15 anni ha già una pistola. Vi ringraziamo per aver violentato casa nostra e aver violato i nostri diritti.  Vorremmo dimostrare che esiste la Napoli bella, quella che siamo noi. Ci avete dimostrato che esiste la Napoli di merda, quella che siete voi!

E al cartello “Chiuso per furto” segue una richiesta esplicita al Sindaco De Magistris e agli altri rappresentanti delle istituzioni:

Dispiace che tale avvenimento sia avvenuto a pochi giorni dalla nostra bellissima iniziativa in favore dei ragazzi di Nisida. Questo quartiere dalla nostra apertura ha trovato giovamento, siamo divenuti polo di attrazione per i giovani e famiglie con le nostre iniziative sociali e culturali tese a fornire “input positivo” al quartiere. E QUESTO È STATO IL RINGRAZIAMENTO!
Ci aspettiamo che le istituzioni tutte ci siano vicine in questo momento, come lo sono state quando siamo stati autori di varie iniziative per la riqualificazione del quartiere. Ci aspettiamo, quindi, una visita ed un sostegno effettivo da parte del Sindaco e della Municipalità.
LO MERITIAMO!

Non mancano, però, i messaggi ai due giovani della libreria di via Duomo e tanti aspettano un modo concreto per aiutarli e mostrare che la faccia bella di Napoli può e deve vincere su qualsiasi barbarie.

_

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook La Bussola TV per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram!

Tags : 4marzolibrerianapoli
Serena Laezza

The author Serena Laezza

Classe 1994, sono giornalista pubblicista e caporedattrice a Labussolanews.it.
Dopo un percorso di laurea magistrale binazionale tra l’Università di Bologna e quella di Strasburgo, ho deciso di tornare a Napoli per scrivere di Napoli.
Mi piace andare in giro, montare video, leggere e fare domande.
In passato ho scritto di eventi per Spaccanapoli.it, di teatro per Eroicafenice.it e di cronaca per Nanotv.it.

Leave a Response