close
CronacaPolitica

De Luca: “Stretto controllo per le strade e multe per chi non indossa la mascherina”

Il presidente della regione De Luca, ha espresso la necessità di attuare con vigore le norme sanitarie previste per contenere il nuovo picco di contagi in Campania.

Con una diretta Facebook, il politico ha dichiarato che l’obiettivo in questo momento è garantire la sicurezza dei Campani dopo il rischioso movimento per le vacanze.

Il Paese si è rimescolato. Siamo chiamati ora a fare un lavoro delicato, perché finchè eravamo noi a gestire avevamo i nostri risultati, ora veniamo risucchiati nella situazione generale del Paese. Serve attenzione in più. […] Stiamo attuando un piano per la sicurezza e la prevenzione, abbiamo anticipato il governo nelle decisioni, come l’ordinanza del 12 agosto sui controlli dall’estero per cercare di individuare subito i contagi. Il governo ha deciso di farlo solo su Croazia, Malta, Grecia e Spagna. Noi anche da Ucraina, Egitto, Usa, Messico, Brasile, Gran Bretagna. Facciamo di più per individuare i contagi. Va fatto fronte all’ondata di rientri dall’estero e dalla Sardegna, che si esaurirà in 15 giorni. Ogni contagio individuato ci fa risparmiare. Dobbiamo cercarli noi i positivi, perché la gran parte dei positivi è asintomatica. Indossiamo le mascherine sempre.

La maggiore attenzione nell’indossare le mascherine negli orari previsti non è tuttavia solo responsabilità dei singoli cittadini. Per il presidente le forze dell’ordine non hanno sufficientemente controllato e multato gli incauti che dalle 18 vagano per le strade senza protezione.

L’iniziativa di riaprire le scuole è avventata?

Per De Luca, quella di riaprire le scuole è stata un’idea sconsiderata da parte del governo e delle altre regioni.

Ci siamo adeguati perché arrivassero anche da noi i banchi previsti per le scuole dal commissario Arcuri. Ma stiamo verificando che i problemi sono aperti. Test da fare al personale scolastico, misurazione temperatura alunni , trasporto scolastici, aule e personale docente Sullo screening da fare al personale scolastico, critichiamo che sia facoltativo. […] Mi appello a insegnati e operatori scolastici che per mesi hanno fatto un lavoro certosino: fate i controlli sierologici e poi, se serve, i tamponi. In Campania sono 200mila: se il 10 per cento è positivo, sono 20 mila persone: capiamo che sono numeri importanti. Il personale deve essere controllato nell’interesse di tutti. È stata una scelta irresponsabile per il Governo centrale scegliere di aprire il 14 le scuole e richiuderle di lì a poco per le elezioni e i ballottaggi. Solo la Regione Campania si è opposta.

Orari scaglionati e acquisto di oltre 1.500 termoscanner però non garantiscono, secondo le previsioni del presidente, l’inizio dell’anno scolastico dal 14 settembre. Le aule non sono sufficienti e per quanto riguarda i trasporto presso gli edifici scolastici, non sono pervenuti finanziamenti per organizzare i mezzi pubblici e quindi consentire il movimento degli studenti in totale sicurezza.

Frecciate e ironia poco velata su Salvini

A conclusione del discorso, non sono mancati poi dei riferimenti al leader della lega, Salvini, con cui ormai da mesi intrattiene uno scambio di critiche pungenti.

Voglio solo dire ad un esponente venuto da lontano che lo invito pubblicamente a un confronto pubblico dove e come vuole sulla sanità campana. Anche con un paragone con qualche regione del nord.

E ancora, si apprestato a commentare la visita del leghista presso l’ospedale Ruggi di Salerno.

E’ arrivata una comitiva di sfaccendati fuori l’ingresso. Li avevano scambiati per parcheggiatori abusivi, profughi afgani. Quello che sembrava il leader, rigorosamente con la camicia da fuori, pareva un venditore di cocco. In realtà si sono poi qualificati come esponenti della politica politicante. E volevano fare un giro turistico nell’ospedale. Il direttore generale del presidio ha rilasciato un comunicato in cui ha spiegato che l’ospedale è un luogo di sofferenza e cura, dove non si fa demagogia e campagne elettorali. Nessuno dovrebbe farlo.

Piani futuri

De Luca ha inoltre accennato a una serie di interventi previsti per la riqualifica di molte zone della regione e per agevolare la mobilità dei cittadini. L’intenzione generale è quella di creare una società unica per garantire un servizio sicuro e costante per i trasporti, mentre per le zone da riqualificare ha dichiarato di voler ripristinare tutti i 24 parchi pubblici partenopei. Altri parchi urbani invece saranno inaugurati a Miano, Piazza Garibaldi e Pianura.

 

Tags : covidDe LucaLegaNordmascherinemobilitàOspedaleparchiSalviniscuolatrasporto pubblicoVincenzo De Luca
Noemi Misurelli

The author Noemi Misurelli

Preferisco esprimermi con le immagini, ma quando arriva l’argomento giusto, scrivo qui!

Leave a Response