close
Cronaca

La Linea 1 è ancora affollata, preoccupa il rientro a scuola delle superiori

Le banchine e i vagoni della Linea 1 risultano affollate con centinaia di viaggiatori in attesa delle corse. A peggiorare la situazione il recente rientro a scuola delle medie e quello delle superiori, previsto per l’1 Febbraio. Nuovi treni comprati del comune attivi dal mese prossimo.

Quelle della Linea 1 affollata sono immagini comuni e conosciute dalle tante persone che utilizzano il trasporto pubblico dell’ANM per spostarsi in città. Vedere però le stesse immagini in un periodo storico nel quale è opportuno mantenere il distanziamento sociale desta non poche preoccupazioni.

E cosi centinaia di pendolari si apprestano ad affollare le banchine in attesa della loro corsa; ma non sono solo i pendolari a popolare la tratta Piscinola-Garibaldi. La recente riapertura delle scuole medie ha causato una maggior affluenza di studenti sulle banchine e sui treni.

Adesso la preoccupazione più grande è rappresentata dal rientro delle superiori, previsto per l’1 Febbraio. Inoltre potrebbe esserci anche la presenza di molti studenti universitari impegnati con gli esami in presenza, sebbene in alcuni casi ci sia comunque l’opzione di svolgerli a distanza. A complicare ulteriormente la situazione si uniscono le proteste dei viaggiatori per il numero di corse, le quali hanno subito una drastica riduzione nel mese di dicembre.

ANM e EAV, due dei principali gestori di treni e pullman campani, hanno però annunciato un aumento del numero di mezzi pubblici a partire da lunedì, ovvero in occasione del rientro a scuola delle classi superiori.

Il Comune ha inoltre richiesto l’impegno della Protezione Civile per gestire l’afflusso di persone in salita e in discesa dai mezzi pubblici nei 10 principali hotspot individuati sul territorio. Il sindaco Luigi De Magistris ha assicurato che dal mese prossimo entreranno in servizio i treni nuovi comprati dal Comune, nel frattempo sono stati messi in vendita 10 vecchi treni, circa metà della flotta, che non vengono più usati.

Le parole del presidente dell’EAV

Intanto il presidente dell’Ente Autonomo Volturno (EAV), Umberto De Gregorio, suggerisce orari di apertura differenziati per l’ingresso in uffici pubblici e privati e nei negozi. Suggerimento che, a quanto pare, non sembra essere stato ancora accolto.

Serve una differenziazione degli orari di ingresso in uffici pubblici e privati e nei negozi. Ma è stata prevista dai sindaci dell’area metropolitana e da De Magistris? Allo stato a me risulta questo. Per gli uffici, con una circolare prefettizia sarà proposta la rimodulazione degli orari delle amministrazioni statali, su tutto il territorio provinciale, con ingressi a partire dalle 11.00. Un passetto indietro rispetto a quello di coinvolgere anche uffici privati e  pubblici anche delle altre amministrazioni locali; sulla stessa circolare, il prefetto avrebbe sensibilizzato i dirigenti pubblici a favorire lo smart working; il documento prefettizio propone un invito ai sindaci di valutare l’adozione di orari di apertura dei negozi alle 11.00, tranne i generi alimentari. Una mia sensazione? I soli uffici delle amministrazioni statali sono insufficienti. Inoltre, l’invito a far aprire alle 11 i negozi resterà un invito non onorato.

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook de La Bussola TV per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram Twitter!

Tags : anmassembramentieavLinea1RientroAScuolaTrasportiPubblici