close
Cronaca

Suicidio di Seid Visin: “Il suo gesto non deriva da razzismo”

Oggi, ci sono stati i funerali del giovane Seid Visin, il calciatore 20enne di origine etiope che si è tolto la vita giovedì, nella chiesa di San Giovanni Battista a Nocera Inferiore, in provincia di Salerno.

Ecco alcune delle parole spese da don Andrea Annunziata che lo ha ricordato:

“La lezione che siamo chiamati ad imparare è quella che ci vede impegnati nell’uscire dalle nostre solitudini. Se lo facciamo, potremo arginare il deflagrante potere del male di vivere che attenta alla vita. Oggi più di ieri. Fuori da ogni retorica e lontano dalla letteratura. Ci sono cuori fragili che implodono”.

I genitori di Seid che lo hanno accolto e gli hanno donato sostegno e amore, non hanno rilasciato dichiarazioni ma hanno rilasciato una piccola dichiarazione all’emittente locale Telenuova, dicendo che:

“Il gesto estremo di Seid non deriva da episodi di razzismo”.

Nel servizio di Telenuova, si afferma che i genitori escludono con fermezza ogni correlazione tra il gesto e la pista razzista, e arrivano a parlare di strumentalizzazione delle parole di Seid.

Le parole che probabilmente sono state strumentalizzate, sono quelle che il ventenne avrebbe scritto circa 3 anni fa e lette integralmente stamane nel corso dei funerali.

La comunità di Nocera sarebbe convinta che razzismo e discriminazione non abbiano determinato il gesto di Seid ma al tempo stesso sarebbe convinta che abbiano avuto un peso la sua storia e le sue origini di Seid.

Tags : nocerainferioreRazzismo