close
EventiFood&Drink

Imprenditoria ischitana: il Porto51 nel mare del mondo

Quattro imprenditori ischitani danno vita ad un idea “progettuale”, un contest  che assume un titolo  manageriale d’impresa, il Porto51 non è solo un numero civico, ma un luogo di ritrovamento per tutta la popolazione nelle sue stagioni ambivalenti, un’area di convivialità di innovazione, di interscambi multietnici, un open mind totalizzante.

Un environment che vanta un reperto di 130 bollicine e 70 etichette tra bianchi e rossi, e bollicine di champagne, di cocktail elaborati nelle sue trasfigurazioni ed ingegnosità, grazie al capostipite: Doriano Mancusi. Mixology, bartender specializzato, con i suoi particolarismi accompagna le percezioni organolettiche del cliente in un esperienza emozionale e dal palato inverosimile.

Nasce il box: la “cocktaileira del golfo” idealizzata in un periodo storico  importante  di repressione per tutti, ovvero il primo lockdown, forgiando il loro impegno nella continua creatività. Questa linea contiene in esso una matrice culturale di distillerie aragonesi,  una linea artigianale, con la predilezione di materie prime dai colori mediterranei, tascabile, versatile,  una ready-to drink pronto da gustare  in qualsiasi momento di condivisione.

Nel team imprenditoriale a seguire abbiamo: Miriano Mancusi,  il suo ruolo è fondato sull’accoglienza e controllo della sala nei rispettivi dettagli appartenenti, con rigore e spirito di determinazione; Francesco Mancusi “mental coach” che pone come scala piramidale gli obiettivi da perseguire, esortando al miglioramento complessivo, inventore  dell’ARENA un evento “festival” coinvolgendo dj internazionali, un momento che si ripeterà ad ampio raggio.

Infine abbiamo la Chef pastry: Maira Mancusi con la sua cheesecake fredda, la dolciera di tutti i clienti.

Una location dal food rivisitato: piatto tipico è la zingara “concept”  per molti   comunemente adottato mentre  per loro diviene  altamente elargito  nelle varie diramazioni, riallacciandosi alle loro tradizioni dei loro campi agresti.

Porto51 un made in Italy etichettato, approvato, un escalation di successo nell’isola green.