close
Politica

Ricciardi: “In Italia nessun lockdown per i non vaccinati”

“Non abbiamo bisogno di un lockdown per i non vaccinati”, ha detto Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute Roberto Speranza, nella trasmissione ‘The Breakfast Club’ di Radio Capital.

“L’Austria ha fatto questa scelta drammatica perché era in ritardo con le coperture vaccinali”, ha aggiungo dicendo che in Austra ha “tassi di incidenza dieci volte superiore ai nostri”.

Per Ricciardi, inoltre, “il nostro governo ha preso decisioni tempestive, anche se non ci mettono completamente al sicuro. Ci sono troppe persone non vaccinate, si parla di sette milioni di italiani”.

“Spero ci siano spazi per convincere le persone, anche irrigidendo le misure per il rilascio del Green pass”, ha detto il consulente del ministro della Salute Roberto Speranza, nella trasmissione ‘The Breakfast Club’ di Radio Capital. “Noi ora lo rilasciamo seguendo indicazioni elaborate in Europa quando la variante Delta non era ancora dominante”, ha aggiunto, osservando inoltre che “la prossima settimana cresceranno i casi, proprio perché la variante Delta è molto più contagiosa. Un infetto ora contagia sei o sette persone. Dobbiamo aumentare il numero dei vaccinati”.

“Il tampone antigenico è il tallone d’Achille del Green pass”, ha detto Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute Roberto Speranza, nella trasmissione ‘The Breakfast Club’ di Radio Capital. Il test antigenico rapido, ha rilevato, “nel migliore dei casi non certifica la positività almeno del 30% dei soggetti. Il tampone è una misura inadeguata in questa fase epidemica”.

Quello 2021 “sarà un Natale migliore perché rispetto all’anno scorso abbiamo un’arma in più che è appunto il vaccino”, ha spiegato ancoraRicciardi. Secondo Ricciardi potrà essere “un Natale più tranquillo, in cui potremo vedere non solo i nostri cari più stretti, ma anche i nostri amici”.

L’obbligo della vaccinazione anti Covid-19 non serve e potrebbe scatenare un dibattito che dividerebbe il Paese, per i bambini si prevede di raccomandare la somministrazione del vaccino. L’obbligo vaccinale “non serve, aprirebbe in Parlamento un dibattito molto aspro e – ha osservato – dividerebbe il Paese piuttosto che unirlo. Nessuno pensa all’obbligo vaccinale per i bambini, per loro la vaccinazione sarà solo raccomandata”.

“L’87% degli italiani ha avuto almeno una somministrazione di vaccino, ma non siamo ancora al finale, la campagna vaccinale prosegue con la terza dose: ieri abbiamo superato le 140mila somministrazioni. L’Italia non è ancora uscita dallo spettro della pandemia, il virus è un nemico infido che bussa alla porta e dobbiamo sudare ancora di più per chiudere gli spifferi”, ha detto il commissario all’emergenza Covid, generale Francesco Figliuolo, intervenendo ad un convegno organizzato dalla Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo). Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha poi aggiunto che “oggi in Italia sono state somministrate 92,5 mln di dosi di vaccino. Non sarebbe stato possibile se non ci fosse stato un grande Paese. Le prime dosi sono fondamentali. Continuiamo a farne circa 19mila al giorno: sembra un numero residuale e invece è importante perché ogni singola dose di vaccino in più significa rendere più forte il nostro scudo contro il Covid-19. Dobbiamo insistere”.

“Ad oggi non sono necessarie ulteriori restrizioni: è sufficiente far rispettare le regole esistenti. Tuttavia se la situazione della diffusione del virus in alcune regioni dovesse aggravarsi, fino ad arrivare alla zona arancione, è evidente che il prezzo delle eventuali chiusure non lo possano e non lo debbano pagare i vaccinati”. È quanto ha scritto sui social il Sottosegretario all’Interno Carlo Sibilia.