close
Cultura

Elisabetta II, 10 curiosità che (forse) non conosci sulla sovrana più longeva del Regno Unito

Queen Elizabeth II. Arrivo nella capitale di Trinidad e Tobago, 26/11/2009. Foto: Commonwealth Secretariat (Flickr.com)

Vogliamo ricordare Elisabetta II attraverso 10 episodi e caratteristiche della sua vita, interamente spesa al servizio della Nazione.

Una vita intera dedicata al servizio della Nazione e del Commonwealth, proprio come aveva giurato nel giorno del suo ventunesimo compleanno.[1] Ignara, allora, di ciò che sarebbe successo di lì a poco. Ignara dei doveri e delle responsabilità a cui non si sarebbe più potuta sottrarre. Per 70 anni Elisabetta II ha regnato con questo grande senso del dovere. Infatti, è stata la sovrana più longeva nella storia del Regno Unito, e nel 2022 ha celebrato il Giubileo di Platino.

Elisabetta II protagonista della storia

Salita al trono nel 1952, a soli 25 anni, Elisabetta II è stata la roccia della monarchia e del Regno Unito, rappresentando la solidità delle istituzioni britanniche anche quando la modernità è entrata necessariamente in conflitto con la tradizione. È toccato a lei l’arduo compito di traghettare il Regno Unito tra passato e futuro, accompagnandolo attraverso cambiamenti epocali, dal punto di vista sociale, culturale e politico.

Elisabetta era regina all’alba del broadcasting in TV ma anche alla nascita di Internet. Durante la guerra delle Falkland e durante quella fredda. Regnava quando il muro di Berlino è caduto e quando è caduta l’URSS. Ha affrontato il terrorismo dell’IRA e quello internazionale del post 11/9. Ha confermato l’entrata nell’UE e, dopo meno di cinquant’anni, la Brexit. Poi i divorzi, gli scandali, la morte di Lady Diana. Le crisi economiche, quella climatica e quella pandemica.

Il suo regno è durato una vita intera. Un arco di tempo così lungo che oltre la metà dei sui sudditi e, probabilmente, della popolazione mondiale, non conosce un sovrano britannico diverso da Elisabetta II. È stata testimone e protagonista della storia contemporanea. Per questo, vogliamo ricordarla attraverso alcuni episodi e caratteristiche peculiari della sua vita.

10 curiosità sulla regina Elisabetta II

Pioniera della comunicazione

La regina Elisabetta è stata senza dubbio una pioniera della comunicazione. La sua prima trasmissione radio risale al 1940 quando, a soli 14 anni, registrò un messaggio di supporto e di conforto ai giovani europei afflitti dai pericoli e dall’angoscia della guerra. Il messaggio fu trasmesso da Children’s Hour, un programma della BBC.

Incoronata in diretta TV

Non solo radio, ma anche TV. L’incoronazione di Elisabetta II è stata la prima trasmessa in TV il 2 giugno 1953. Si stima che 27 milioni di persone nel Regno Unito abbiano seguito la cerimonia. La sera dell’incoronazione ha annunciato via radio: “Per tutta la durata della mia vita e con tutto il mio cuore mi impegnerò per essere meritevole della vostra fiducia”.[2]

Impegno militare

La regina Elisabetta II è stata la prima donna nella famiglia reale a diventare un membro attivo e a tempo pieno della divisione femminile dell’esercito britannico durante la Seconda Guerra Mondiale. Lì guidava e si occupava anche dei veicoli.

Guida senza patente

A proposito di guida, la regina Elisabetta era l’unica persona a non aver bisogno di prendere la patente per guidare. Si tratta di un privilegio esclusivo, in quanto i passaporti e le patenti vengono rilasciate proprio in nome della regina.

Amante dei Corgi

La regina Elisabetta amava i Corgi. Ne ha avuti più di 30, la maggior parte dei quali discesi dal suo primo Corgi, Susan, che le è stato regalato per il suo diciottesimo compleanno nel 1944.

Paddington

Ma’amalade sandwich Your Majesty? È diventato una specie di slogan, una frase che molti in questi giorni hanno ripreso in varie forme in occasione dei funerali della regina. Perché? Bene, Sua Maestà aveva preso parte ad uno spot in occasione del Giubileo del regno, in cui scherzava sul fatto di avere sempre in borsa per emergenza un sandwich alla marmellata.

British humor & storielle divertenti

La sovrana britannica è sempre stata nota per il suo umorismo all’inglese, che spesso adoperava in occasione di incontri internazionali. Nel ricordare la regina dopo la sua morte, il capo della sicurezza Richard Griffin ha raccontato una storia divertente proprio su di lei.

Un giorno a Balmoral, Richard Griffin e la regina incontrarono una coppia di turisti americani che, tuttavia, non riconobbero la sovrana. Dopo una conversazione squisitamente umoristica da parte della regina, raccontata in dettaglio da Griffin, i turisti chiesero alla regina di scattar loro una foto. Griffin ne scattò poi un’altra con la regina, ancora in incognito, e i turisti. Dopo il loro congedo, la regina esordì ridendo: “Vorrei essere lì quando mostrerà la foto ai suoi amici in America e, se tutto va bene, qualcuno gli dirà chi sono”.[3]

Numeri da record

Durante il suo lunghissimo regno, la regina Elisabetta ha lavorato con 15 Primi Ministri, il primo Churchill, l’ultima la Truss. Ha dialogato con 14 Presidenti degli Stati Uniti d’America, da Truman a Biden, e ben 7 papi. Inoltre, Elisabetta II è stata la sovrana che ha viaggiato di più al mondo: più di 100 Paesi, si stima per un milione di miglia. Solo nei Paesi del Commonwealth, ha fatto più di 150 visite. Inoltre, era una vera regina dei ricevimenti, visto che ha tenuto più di 180 feste in giardino a Buckingham Palace, con più di 1,5 milioni di partecipanti, si stima.

Doppio compleanno

La regina Elisabetta nacque nel quartiere Mayfair, a Londra, il 21 aprile 1926; è questa la data del suo compleanno reale. Altra cosa, però, è il compleanno regale, che si festeggia il secondo sabato di giugno. Il motivo? Ovviamente è di natura climatica. Nel 1748, re Giorgio II decise di spostare i festeggiamenti ufficiali per il suo compleanno da novembre a giugno, sperando in temperature più miti adatte alle celebrazioni all’aria aperta.

La seconda sovrana più longeva al mondo

Prima di lei solo Luigi XIV, Re di Francia, ha regnato per un arco di tempo più lungo. Per la precisione, 26.407 giorni. Bisogna ricordare, però, che il sovrano francese è salito al trono a 4 soli anni. Elisabetta II, però, mantiene comunque un record: è la sovrana che ha regnato più a lungo in Gran Bretagna. Già nel 2015, infatti, aveva superato la sua bis bisnonna Vittoria, che regnò per 64 anni.

L’età post-elisabettiana

Insomma, la rilevanza storica di Elisabetta II oltrepassa i chiaroscuri della monarchia. Nonostante le difficoltà e le ardue scelte, con la sua personalità la sovrana è riuscita a conquistarsi un posto nell’Olimpo dei personaggi ‘storici’, ma soprattutto l’affetto del popolo britannico. Migliaia di persone hanno partecipato ai funerali della regina, restando finanche 8 ore in una fila di 8 km per poterla omaggiare con un ultimo saluto, e hanno accompagnato il feretro attraverso Londra e fino a Windsor, dove si sono conclusi i riti funebri.

Folla di persone per il funerale della regina Elisabetta II.

Non è una sorpresa, quindi, che il primo giorno dopo il funerale di Stato della Regina Elisabetta II – il primo nel Regno Unito da quello di Winston Churchill nel 1965 e primo funerale in Westminster Abbey dal lontano diciottesimo secolo – sembri un po’ come il primo giorno di una nuova era. L’età post-elisabettiana, se vogliamo, che segnerà per molti quell’ultimo passaggio che mancava per transitare completamente nel ventunesimo secolo.

Insomma, senza dubbio un’eredità molto pesante per il nuovo Re Carlo III.

[1] “I declare before you all that my whole life whether it be long or short shall be devoted to your service and the service of our great imperial family to which we all belong”.

[2] “Throughout all my life and with all my heart I shall strive to be worthy of your trust”.

[3] “I’d love to be a fly on the wall when he shows his photograph to his friends in America, and hopefully someone tells him who I am”.

 

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook La Bussola TV per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram!

Tags : ElisabettaIIFuneralireginaRegnoUnito
Anna Gallo

The author Anna Gallo