sabato, Febbraio 4, 2023
HomeCronacaLa camorra chiede il pizzo in videochiamata: la denuncia dell'imprenditore

La camorra chiede il pizzo in videochiamata: la denuncia dell’imprenditore

Un esattore, era agli arresti domiciliari e per ribadire il “pizzo” precedentemente chiesto a un imprenditore ha pensato di fargli una videochiamata. Ma questa estorsione 2.0, a Napoli, quartiere Pianura, periferia Occidentale, non è andata a buon fine. I carabinieri di Pianura hanno sottoposto a fermo tre persone ritenute legate ad un clan noto per i suoi affari illeciti tra il quartiere partenopeo di Pianura e le zone limitrofe.

Gli indagati – nei confronti dei quali la Direzione distrettuale antimafia ipotizza il reato di tentata estorsione con l’aggravante dell’aver agevolato l’organizzazione mafiosa – agli inizi del mese di ottobre, si sono presentati più volte nell’abitazione di un 48enne, imprenditore nel settore funerario di Pianura e, minacciandolo di morte con un’arma da fuoco, hanno preteso il pagamento immediato di 2mila euro e, in futuro, altri 3mila euro al mese. I tre fermati, il più giovane dei quali appena ventenne, si trovano ora nel carcere di Secondigliano in attesa dell’udienza di convalida.

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook La Bussola TV per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Tik Tok e  Instagram!

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments