close
AmbientePolitica

Il Ministro Costa attacca: “chi accende i roghi deve andare in galera”

Io ho fatto tutto quello che dovevo fare. E non solamente io. Nel novembre 2018 è stata istituita una cabina di regia per prevenire questo odioso fenomeno dei rifiuti tossici, e ad oggi ognuno ha fatto il suo, tranne il ministro dell’Interno“. Lo dice, in un’ intervista al Corriere della Sera, il ministro dell’ambiente Sergio Costa, a proposito di quanto sta avvenendo nella Terra dei fuochi di recente. Secondo Costa, Salvini si dovrebbe occupare del “presidio del territorio, il ministro dell’Ambiente non ha il potere sulle forze di polizia“. “Statisticamente i roghi avvengono sempre alla stessa maniera. Si sa dove accendono i fuochi, a che ora, con quale modalità. Per prevenirli bisogna fare quindi degli appostamenti, e poi arrestarli e portarli in galera. Ma quelli non li posso certo fare io. È andata così a Battipaglia, a Giugliano, a Caivano. E mentre c’erano questi roghi il ministro dell’Interno non se ne occupava“. Era a Milano Marittima, soggiorno di cui si è già discusso diffusamente, «già, al mare, o comunque non era dove serviva». Chiarisce però che non è un attacco al collega: «Per carità, è un appello. Chiedo al ministro dell’Interno Matteo Salvini di occuparsi della Terra dei fuochi. Una settimana fa ho scritto anche al premier Giuseppe Conte per questo». Fra i due ministri ci sono già state frizioni negli scorsi giorni per i commenti di Costa sulla vicenda del figlio di Salvini sull’ Acquascooter della Finanza.

La Terra dei Fuochi deve essere al centro dell’agenda di tutte le istituzioni. Ho letto le parole dei ministro dell’Ambiente che lancia un allarme. Dobbiamo tutti rimboccarci le maniche: ognuno – a partire da chi ha la responsabilità politica di garantire l’ordine pubblico – faccia la sua parte perché la priorità è la salute dei cittadini. Esiste già una cabina di regia: è importante che continui a lavorare”, così commenta anche il Presidente della Camera Roberto Fico, che su Facebook ha condiviso la notizia del Corriere.

Come il Ministro ha riferito negli scorsi giorni ci sono stati numerosi episodi di incendi dolosi e vandalismi nell’area della Campania. Due giorni fa, a Battipaglia, l’incendio di rifiuti si è sviluppato all’interno di un’azienda che stocca rifiuti speciali non pericolosi nella zona industriale (Ne abbiamo discusso ampiamente in questo articolo). Nei giorni scorsi, a Giugliano, grazie all’utilizzo di droni dell’Aeronautica è stato sventato un rogo. E sempre a Giugliano alcuni mezzi adibiti alla raccolta differenziata dei rifiuti sono stati danneggiati all’interno del piazzale di un’impresa: pare siano state sottratte le batterie ed il gasolio a 14 camion, mentre ad altri mezzi sono stati rotti i vetri. A Caivano, invece, un mezzo di una ditta che si occupa di rifiuti è stato sottratto all’autista e poi trovato incendiato.

 

_

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook de La Bussola per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram!

Tags : #roghicampaniamatteo salviniMinistro Ambiente Costaroberto ficoSergio Costa

Leave a Response

Inline