chiudi
Politica

Ministro Lezzi rilancia Scampia: 50 milioni per riqualificazione

scampia

Ieri a Roma ho incontrato il sindaco Luigi De Magistris per approfondire alcuni dossier su Napoli e, in particolare, quello relativo a Scampia: un progetto di riqualificazione al quale entrambi teniamo molto. In particolare, ho confermato al sindaco la piena disponibilità a finanziare, dopo l’abbattimento delle vele, la rigenerazione di quell’area prevedendo lo stanziamento a settembre di 50 milioni di euro attraverso il Fondo sviluppo e coesione, di cui presiedo la cabina di regia. Il passaggio successivo prevederà il via libera da parte del Cipe, dopo di che tale finanziamento diventerà effettivo. Anche in occasione dell’incontro di ieri ho registrato la piena disponibilità alla collaborazione da parte del sindaco De Magistris e la volontà di lavorare in sinergia per il bene della città“, sono parole del ministro per il Sud Barbara Lezzi all’ indomani del “costruttivo e positivo confronto, nel solco della consueta collaborazione istituzionale”. Molti i temi di cui hanno trattato (fra i quali Bagnoli), che saranno al centro di ulteriori incontri ed approfondimenti. Su un tema in particolare la responsabile del ministero e il primo cittadino di Napoli sono entrati già in un’importante e strategica fase operativa, quella riguardante la riqualificazione urbana del quartiere di Scampia.

Si tratta della seconda fase del progetto Restart Scampia, fino ad oggi non ancora coperta da finanziamento. Su questa fase, successiva quindi all’ abbattimento delle vele di Scampia, fin da settembre sono attesi importanti sviluppi con la cabina di regia del Fondo di coesione e sviluppo, presieduta dal Ministro Lezzi, che proporrà al Cipe l’importante finanziamento per la riqualificazione della area in seguito all’abbattimento delle vele.

_

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook de La Bussola per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram!

Tags : barbara lezzide Magistrisscampiasud
Simone Iavarone

Autore: Simone Iavarone

Lascia un commento