close
Cronaca

Furto nella libreria Dante&Descartes a Napoli

Napoli, via Mezzocannone: furto nella storica libreria Dante&Descartes di Raimondo Di Maio.

Nella notte tra venerdì e sabato, ladri ancora ignoti hanno commesso un furto nella storica libreria Dante&Descartes a Napoli, in via Mezzocannone 55. Tutti gli studenti che hanno (o hanno avuto) la fortuna di avere la sede universitaria nel centro storico di Napoli conoscono sicuramente questo piccolo gioiello nel cuore della città.

Altrettanto conosciuto è il proprietario Raimondo Di Maio, che ha infatti sempre avuto un occhio di riguardo per i suoi giovani clienti. Il loro indice di lettura è sceso, ma a detta di Di Maiobisogna raggiungere i giovani, mai escluderli“.

Sul suo profilo facebook ha pubblicato anche le foto delle condizioni della libreria in seguito al furto. Il post è di ieri:

«Stanotte i ladri hanno visitato la Libreria Dante & Descartes di via Mezzocannone 55. Hanno cercato i soldi, svuotato la cassa delle monete da 1 e 2 euro e trovato alcune banconote. Hanno svuotato tutti i cassetti cercando il tesoro, secondo loro».

furto libreria Dante&Descartes
Una delle foto postate su facebook da Raimondo Di Maio in seguito il furto nella sua libreria Dante&Descartes

Per chi conosce la libreria sa bene quanto sia prezioso il suo patrimonio librario e vedere “tutto buttato all’aria”, per usare le parole del proprietario, non è un bello spettacolo. Il post del librario ed editore Raimondo Di Maio continua così:

«Hanno buttato all’aria tutto quello che hanno incontrato dietro il banco, il mobilino che contiene la Biblioteca Lillipuziana, straordinaria e rara collezione accumulata in tanti anni di ricerca, e recentemente arricchita dal fondo del grande bibliofilo Nicola Esposito di Pomigliano d’Arco. Un tesoro che vale molto più dei soldi che stupidamente fantasticavano di trovare. Poi hanno fatto cadere un altro mobiletto con i 160 Cuentos de Calleja, i fantastici piccoli e coloratissimi libri (cm 7 x 5), non immaginando anche per questi il grande valore della rarissima collezione. Hanno poi smontato tutti i quadri cercando la cassaforte che non c’era».

Insomma, l’ignoranza dei ladri ha fatto in modo che i veri tesori della libreria, i libri, rimanessero comunque al legittimo proprietario, che conclude il suo post su facebook con un pizzico di ironia:

«Ho messo in salvo i bambini, lapsus i libri, ho fatto la denuncia e sembra che i ladri siano stati ripresi dalle telecamere».

Moltissimi sono i messaggi di solidarietà per Raimondo Di Maio dopo la notizia del furto nella libreria. Uno di questi è di una professoressa di linguistica italiana del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università Federico II:

«Raimondo Di Maio o delle cose preziose che resistono alle intemperie e alle avversità. Perché poi c’è chi che verrebbe e verrà a raccogliere con te uno ad uno i libri da terra, a fare ordine, e riparare i cocci, per andare avanti con te».

_

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook de La Bussola TV per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram!

Tags : #furtoDante&Descarteslibrerianapoli
Sabrina Corbo

The author Sabrina Corbo

Leave a Response