close
CronacaEventi

Materdei: cancellate le scritte che celebravano due ragazzi morti durante rapine

Napoli, Metropolitana di Materdei. Nella Piazzetta Scipione Ammirato, sono state cancellate le scritte che imbrattavano l’esterno della stazione volte a ricordare Ugo Russo ed Emanuele Scarallo, due giovani tragicamente morti nel corso di due rapine a distanza di sette anni.

L’associazione “Giovani Promesse”, con Salvatore Paternoster, Andrea Capuozzo e Raffaele Cosentino, insieme ai dipendenti della azienda di pulizia dell’ANM “Coopservice” hanno ripulito le scritte lanciando così un forte messaggio nel segno della legalità. Un segnale di civiltà da parte dei giovani del quartiere che, tramite il loro esempio, cercano ogni giorno di combattere la criminalità contribuendo alla sicurezza e alla pulizia del territorio.

Un intervento che, però, pone altri interrogativi che da troppo tempo aspettano delle risposte. Condannare un gesto criminale puntando il dito non basta. È necessario andare a fondo.

È necessario aiutare le famiglie ed i ragazzi, la maggior parte minorenni, che non vedono alternativa al guadagno facile e alla violenza.

L’importanza della scuola e del sostegno sociale, tramite la predisposizione di attività che siano volte all’educazione e alla convivenza sociale basate sulle regole, sono fondamentali per recuperare chi vive in contesti sbagliati.

Le Istituzioni sono chiamate a prevenire qualsivoglia gesto criminale, dal più tenue a quello più efferato, non emarginando i giovani solo perché nati nel posto sbagliato.

La Napoli criminale esiste e va combattuta, dopo, ma soprattutto prima affinché non sia troppo tardi.

 

 

 

Giulia Compagnone

The author Giulia Compagnone