close
Cronaca

Offendono sua figlia in spiaggia perché affetta da sindrome di down, Trapanese: ‘Grazie per la solidarietà’

Un episodio davvero spiacevole ha avuto luogo in questi giorni su una spiaggia a Napoli: Alba, la figlia dell’assessore al Welfare e alle Politiche Sociali del Comune di Napoli, Luca Trapanese, è stata offesa perché affetta da sindrome di down. Un bambino si è infatti avvicinato ai due due e senza mezze misure ha detto loro che la madre pensava che la bambina fosse «malata e brutta».

Dopo essere rimasto impietrito per tale affermazione, l’assessore ha successivamente deciso di raccontare questa storia sui suoi canali social: se prima ha chiarito che «mia figlia non è malata e la sua disabilità non la invalida dell’essere una bambina felice, oltre ad essere oggettivamente bella», ha riflettuto poi su come quel bambino rappresenti «una parte della società ostile alla diversità, indifferente al dolore, incentrato sul raggiungimento di una perfezione che non esiste».

Adesso, subissato da messaggi di amore e di vicinanza per sua figlia, l’uomo ha pubblicato un altro post in cui lui e Alba «volevamo ringraziarvi per i tanti messaggi ricevuti. Vorrei ringraziare la stampa, le radio, e le tv che ne hanno parlato. Vorrei ringraziare anche alcune persone impegnate nella Politica che hanno trattato il tema. Vorrei ringraziarvi anche a nome di tutti quei genitori con figli disabili che non hanno la stessa forza mediatica ma che ogni giorno sono costretti a subire piccole e grandi offese e nessuno li ascolta».

L’invito poi è «che tutta la società si attivi affinché nasca una nuova visione della disabilità, affinché sia chiara la differenza tra disabilità e malattia. […] Bisogna fare Cultura sul mondo della disabilità perché questa è la mancanza più grave».

Tags : NapoliSpiaggia