close
Cronaca

Ennesima strage negli Stati Uniti: almeno 19 bambini e 2 adulti uccisi in una scuola elementare in Texas

Cartello di benvenuto all'esterno della scuola Robb Elementary.

Martedì, alle 11:32 locali, le 18:32 in Italia, un uomo armato è entrato in una scuola elementare ad Uvalde, in Texas, aprendo il fuoco contro studenti e insegnanti. Secondo le autorità locali le vittime sarebbero 19 bambini e 2 adulti, tra cui almeno un insegnante, ma i numeri potrebbero essere ancora parziali.

L’attentatore è stato identificato durante una conferenza stampa dal governatore del Texas Greg Abbott: si tratta di Salvador Ramos, un diciottenne residente proprio ad Uvalde, ucciso dagli ufficiali di polizia seguentemente alla strage.

Si tratta della sparatoria con il maggior numero di vittime in una scuola statunitense dal massacro alla Sandy Hook Elementary, circa un decennio fa, quando furono uccise 26 persone, di cui 20 bambini. La strage è avvenuta a pochi giorni dalla sparatoria di Buffalo, dove sono state uccise 10 persone.

Emergency workers gathered near the shooting scene.

Ramos ha dapprima sparato a sua nonna, una donna 66enne residente ad Uvalde, attualmente ricoverata in un ospedale a San Antonio, per poi raggiungere in auto la scuola Robb Elementary. L’attentatore ha poi aperto il fuoco indiscriminatamente contro i bambini e i docenti della scuola elementare, a tre giorni dall’inizio delle vacanze estive.

Secondo quanto riferito dal governatore Abbott, Salvador Ramos aveva con sé una pistola e un fucile. «Ha sparato ed ucciso orribilmente, incomprensibilmente», ha detto Abbott durante la conferenza stampa successiva alla strage.

Non è chiaro quale fosse il movente dell’attentatore o se avesse mirato la scuola Robb Elementary per qualche motivo, o se si fosse trovato lì per caso. Al momento le autorità texane non hanno fornito alcun dettaglio a riguardo.

Salvador Ramos aveva compiuto 18 anni il 16 maggio, e secondo alcune fonti riportate dal Washington Post, che cita una persona informata delle prime indagini, avrebbe acquistato le armi nei giorni successivi al suo compleanno.

Sono 500 i bambini che studiano alla scuola Robb Elementary, per la maggior parte di età compresa tra i 7 e i 10 anni. Il 90% circa dei bambini sono di origini ispaniche, mentre il restante sono bianchi.

All’esterno della scuola è appeso un cartello, su cui si leggono le scritte “Welcome!” e “¡Bienvenidos!”, un benvenuto in inglese e spagnolo. Poco più in là del cartello è ben visibile il logo della scuola e, affianco, un cuore.

A municipal court employee lowered the Texas flag to half-staff.

Venerdì la NRA, National Rifle Association, la più influente lobby americana delle armi, ha in programma il suo meeting annuale a Houston, proprio in Texas. Il governatore Abbott è nella lista degli invitati all’evento, nella quale figura anche l’ex presidente Donald Trump.

In un breve messaggio alla nazione, nella serata di martedì, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha commentato la strage, dicendo che «l’idea che un 18enne possa entrare in un negozio e acquistare un fucile è sbagliata». Biden ha aggiunto, visibilmente commosso, che è il momento di affrontare la lobby delle armi, la NRA, e di trasformare il dolore in azione.