lunedì, Maggio 27, 2024
HomeCronacaDal sogno di una coppia ai meravigliosi murales del borgo di Valogno

Dal sogno di una coppia ai meravigliosi murales del borgo di Valogno

Dal sogno di una coppia nascono i meravigliosi murales del borgo di Valogno

Oggi è un piccolo gioiello nel cuore di Sessa Aurunca, ma in passato il borgo di Valogno era addirittura chiamato il “Borgo fantasma” perché nel 1956 più della metà della popolazione che lo abitava (poco più di 500 anime) migrò verso altri paesi come il Belgio e Germania in cerca di lavoro e, da quel momento, nessuno è mai più tornato.

Tranne una coppia, Giovanni e Dora, nati proprio a Valogno. Psicologo lui e impiegata lei, andarono via da Valogno per trasferirsi a Roma: la scelta di tornare è dovuta alla scoperta della malattia del figlio diagnosticata ad appena 4 anni. Allontanarsi dalla grande città e dal caos per tornare in un luogo tranquillo, per trovare la serenità perduta.

Valogno: un sogno e mille storie

Ed è proprio in quel momento che nasce il progetto-sogno chiamato: “I colori del grigio”. Così, lo autofinanziano. Il progetto consiste nella rinascita di Valogno e nell’inondare di colori quel borgo che stava per scomparire del tutto (appena 100 abitanti vi erano rimasti). Valogno si riempie allora di esattamente 42 murales e di un mare di colori. Ciò aiuta anche i pochi abitanti a riacquistare la speranza persa con gli anni.

Valogno è quindi la rinascita di tutti gli abitanti e di questa straordinaria famiglia e, grazie ai murales, diventa anche una meta per i turisti. Passeggiando per le viuzze del Borgo, potete ammirare in ogni angolo un murales diverso. In cima al paese c’è il murales che raffigura “L’Albero della vita” dove esprimere un desiderio toccando il murales è d’obbligo, i colori che lo rappresentano (bianco, oro e blu) danno un senso di pace.

“L’Albero della vita”

Appena si entra nel Borgo si può ammirare un murales gigante di Frida Kahlo e uno di benvenuto.

Valogno è anche conosciuto come il paese delle “porte aperte”, perché durante le visite guidate i residenti aprono le loro case e offrono il pranzo. Per mangiare c’è solo un piccolo ristorantino, dove cucinano delizie del posto e dove potete assaporare il Falerno del Massico, un vino della zona, oppure bere una grappa accompagnata da dei taralli.

Valogno è un borgo tutto da scoprire, e potete viaggiare con l’immaginazione inventando tante storie.

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook La Bussola TV per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram!

Maria Rita Balletta
Maria Rita Balletta
Studentessa di Giornalismo ed Editoria presso l'Università di Roma Tre. Appassionata di Cultura, Ambiente e Sport.
RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments