close
Ambiente

2 giugno: spiagge ed isole della Campania prese d’assalto

Quella di ieri è stata la prova generale di quella che potrà essere l’estate in Campania. Con l’affollamento di spiagge ed isole la stagione estiva a prova di Covid è davvero pronta a cominciare.

Il 2 giugno è stata la prima occasione utile per vedere gli effetti del distanziamento sociale sulle località turistiche campane e i risultati raggiunti sono strabilianti. Spiagge ed isole della regione sono state prese d’assalto dai turisti che, rispettando le norme di sicurezza, si sono concessi una giornata quasi normale.  Chi lavora nel settore turistico ne è ben felice: c’è stata la prova definitiva che la voglia di tornare al mare non manca neanche quest’estate.

Le mete

Meta privilegiata del ponte del 2 giugno è stata sicuramente l’isola di Capri che, svuotata di un gran numero di turisti, ha fatto gola a molti residenti campani. Le spiagge della Marina Grande e della Marina Piccola erano piene di bagnanti nonostante l’assenza di un piano regolatore richiesto dalla Regione. Ad Anacapri per regolare l’accesso alla Gradola e Punta Carena sarà necessario, invece, prenotare tramite un’app. Resta per il momento chiusa la Grotta Azzurra. Anche l’isola di Ischia ha registrato un ottimo risultato in quanto a presenze.

Altra meta prescelta per il ponte è stata la Costiera. Un po’ meno ordinata la folla che ieri si è radunata nelle zone della Baia di Ieranto, dove molti bagnanti non indossavano mascherine. I bagnanti hanno anche scelto Marina del Cantone e di Seiano come destinazione balneare, mentre ancora resta chiusa al pubblico Marina di Puolo che aprirà al pubblico solo il prossimo sabato.

Quella del 2 giugno è stata anche l’occasione per scoprire alcune falle della messa in sicurezza delle spiagge messa in atto dai vari comuni. Il sindaco di Massa Lubrense Lorenzo Balducelli spiega infatti:

Dato il particolare momento che stiamo vivendo, ci sembra opportuno trovare il modo di regolamentare gli ingressi a Ieranto, Crapolla e Punta Campanella e istituire una procedura di prenotazione a numero chiuso, magari con il pagamento di un ticket per i turisti. Ciò non toglie che, una volta finita veramente l’emergenza, l’ingresso ai siti tornerà a non essere a numero chiuso. Chiarisco, però, che fin quando ci sarà un’amministrazione da me guidata i residenti non pagheranno per visitare i nostri sentieri.

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook La Bussola TV per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram!

Tags : campaniaEstate2020mare

Leave a Response