close
Cronaca

Campania, sì alla legge contro l’omotransfobia e le discriminazioni LGBT

Foto credits: Anna Shvets, Pexels.

Il Consiglio regionale della Campania ha approvato la legge contro l’omotransfobia. Sannino: «Giornata storica». Ciarambino (M5S): «Legge di civiltà».

Con 34 voti a favore su 35, il Consiglio regionale della Campania ha approvato la norma contro la l’omotransfobia e le discriminazioni relative all’identità di genere e all’orientamento sessuale.

A darne l’annuncio sui social Antonello Sannino (Arcigay Napoli), che scrive su Facebook: «Giornata storica, una grande vittoria per tutti e tutte e delle nostre associazioni».

Per dimostrare il grande sostegno all’approvazione di questa norma, stamattina le associazioni LGBT hanno portato in Regione e consegnato 2300 firme. Firme che provengono da «persone che chiedono una buona legge», ha specificato Rosa D’Amelio, Presidente del Consiglio Regionale della Campania.

Cosa prevede la legge?

La legge contro l’omotransfobia e la violenza di genere comprende 13 articoli. Inoltre, la norma prevede la creazione di un Osservatorio regionale sulla violenza e sulle discriminazioni determinate dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere. L’osservatorio si occuperà della raccolta di dati e del monitoraggio dei fenomeni di violenza e discriminazione. Al fine di prevenire e contrastare questi ultimi, l’osservatorio collaborerà con diversi enti, associazioni e organismi. Rispetto al testo unificato originario, al quale sono stati presentati diversi emendamenti, la legge approvata non prevede la parte riguardante la violenza contro le donne.

Un passo in avanti

Come si legge in un comunicato pubblicato sul sito di Arcigay Napoli, si tratta di «una legge importantissima per il futuro di questa terra ma non solo».

«Dalla nostra Regione – si legge nel comunicato – dalla più grande regione del meridione, arriva un segnale chiaro e preciso al legislatore nazionale per colmare quel vuoto legislativo imperdonabile che fa dell’Italia l’unico Paese tra i fondatori della Comunità Europea a non avere una legge specifica contro i crimini d’odio legati all’orientamento sessuale e all’identità di genere». A questo proposito, proprio in questi giorni il Parlamento ha discusso un ddl contro l’omotransfobia e la misoginia, che vuole rafforzare la tutela di chi subisce discriminazioni di genere.

L’approvazione della legge, denominata ‘Norme contro la violenza e le discriminazioni determinate dall’orientamento sessuale o dall’identita’ di genere e modifiche legislative’, da parte del Consiglio regionale rappresenta un segnale molto rilevante per la Campania. Infatti, considerando i dati sulla violenza di genere raccolti dall’Eures e diffusi dal Ministero dell’Interno, la Campania è «maglia nera del Paese per la diffusione, che non accenna a diminuire, degli episodi di violenza perpetuati ai danni delle donne e delle persone LGBT», afferma ancora il comunicato di Arcigay Napoli.

I commenti

«Terminiamo questa legislatura con una legge a difesa dei diritti di persone che spesso vivono situazioni di emarginazione», ha dichiarato Rosa D’Amelio, presidente del Consiglio regionale della Campania.

Per Valeria Ciarambino «parliamo finalmente di una legge, che non c’era in Campania e che oggi c’è, contro la violenza omotransfobica, a tutela delle persone LGBT che sono vittime di violenza». La capogruppo del M5S ha aggiunto che «grazie a questa legge, che deriva dall’unione di diversi testi tra cui uno dei 5 Stelle, ci saranno rifugi arcobaleno per le vittime LGBT, sportelli arcobaleno che potranno essere un punto di ascolto importante. Si sanciscono princìpi fondamentali che nessuna forma di violenza nei riguardi di persone in virtù del loro orientamento sessuale è ammissibile nella nostra regione». Insomma, «una legge di civiltà – ha concluso la Ciarambino – frutto di lavoro condiviso di cui vado fierissima».

Commenti positivi anche dalla consigliera del PD Loredana Raia, la quale ha sottolineato: «Con l’approvazione di questa norma penso che abbiamo segnato un grande traguardo per la Regione Campania. Siamo la seconda Regione dopo l’Emilia Romagna ad aver legiferato sull’omotransfobia e possiamo ritenerci molto soddisfatti».

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook de La Bussola TV per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram Twitter!

Tags : campanialgbtomofobia
Anna Gallo

The author Anna Gallo

Leave a Response