close
Cronaca

Immigrato chiede aumento, ma il capo lo insulta: “Sei un negro, sarai sempre schiavo della vita”

Didier, 34enne richiedente asilo originario della Costa d’Avorio, ha denunciato il suo datore di lavoro per insulti a sfondo razzista.

Didier, ragazzo 34enne originario della Costa D’Avorio e richiedente asilo, ha vissuto per quattro anni tra caporalato, razzismo, minacce e vessazioni; sul luogo di lavoro, infatti, il titolare dell’officina di Materdei presso la quale lavorava lo insultava continuamente e lo sfruttava, tutto per via del colore della sua pelle.

Negli anni di servizio presso l’officina Didier ha notevolmente sviluppato la sua abilità con i motori e le auto, diventando un grande meccanico, elettrauto e gommista. Ma malgrado la sua notevole bravura l’uomo ha guadagnato sempre la stessa cifre: 15 euro al giorno per lavorare dalle 8 alle 20 di sera, poco più di un euro all’ora.

Così, alla richiesta di Didier di migliorare e regolarizzare la sua posizione lavorativa, il povero malcapitato ha dovuto subire l’ennesimo insulto da parte del suo datore di lavoro:

Tu sei un negro, sei di una razza di merda. E rimanete sempre schiavi della vita. Devi fare solo il negro nella tua vita. Se ti acchiappo per strada ti mando in ospedale.

 

 

La denuncia

Di fronte a questa ennesima vessazione subita, l’uomo ha quindi deciso di ribellarsi alle angherie e si è rivolto al suo legale Hilarry Sedu, avvocato italiano di origine nigeriana, per presentare formale denuncia.

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook de La Bussola TV per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram!

Tags : caporalatomaterdeiRazzismo