domenica, Novembre 27, 2022
HomeEventiFood&DrinkLa differenza tra tortano e casatiello nella cultura napoletana

La differenza tra tortano e casatiello nella cultura napoletana

Pasqua, nella tradizione della cucina napoletana, fa rima con casatiello. Provolone, salame, pecorino e pepe nero, sono solo alcuni dei numerosi ingredienti del casatiello, che rendono questa pizza rustica un piatto tipico delle festività pasquali, immancabile sulla tavola dei partenopei sia a pranzo il sabato precedente la Risurrezione di Gesù sia il giorno di Pasquetta per le gite fuori porta.

Accade spesso che si confonde il casatiello con il tortano, altro rustico pasquale napoletano. Ma in realtà nonostante siano molto simili tra loro, hanno diversi elementi che li contraddistinguono e che ci portano a definire queste pietanze due “gemelle diverse”.

Il primo elemento che li contraddistingue è sicuramente la presenza dell’uovo sodo.

Nel tortano, l’uovo sodo è presente solo all’interno della farcitura mentre nel casatiello l’uovo sodo oltre ad essere un ingrediente fondamentale presente nella farcitura, ha anche un ruolo di prestigio per quanto riguarda la presentazione.

Le uova sode infatti vengono posizionate anche come decorazione, aggiunte nella parte superiore del rustico, creando una sorta di gabbia ottenuta dall’intreccio di pasta.

Dunque, il primo segno di riconoscimento che li contraddistingue è affidato al posizionamento delle uova sode.

Una volta che invece si procede all’assaggio dei due rustici, il tortano di per se nella ricetta originaria dovrebbe avere come farcitura solo formaggio, uova, pepe e cicoli, mentre il casatiello oltre a tutti questi ingredienti, ha anche un rinforzo di salumi come prosciutti vari e salami.

Oggi però le ricette tradizionali vengono rivisitate e sempre più spesso all’interno dei tortani sono presenti ingredienti grassi come i salumi.

Una versione dolce del casatiello è altresì composta da uova, zucchero, strutto e glassa, e decorata in superficie con i diavulilli (in napoletano per «confetti colorati»): tale variante è diffusa a Caserta ed è l’unica nota nell’area vesuviana costiera.

 

 

 

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments