domenica, Novembre 27, 2022
HomeCronacaSemplicemente Puok - Egidio Cerrone e la sua grande famiglia

Semplicemente Puok – Egidio Cerrone e la sua grande famiglia

Puok Burger Store, lo Street Food più conosciuto a Napoli. Un viaggio di esperienze, passioni e panini

di Nicolaos Nicolau

– “Usa la forza Luke, segui l’istinto !” , o almeno la scena me la immagino così. È un sabato sera qualsiasi e avevo poco più di 11 anni, quando vidi per la prima volta quell’interminabile fila su una freddissima via Cilea. Proprio come in Star Wars – Una nuova Speranza , io ed il mio gruppo di amici decidemmo di seguire i consigli del nostro stomac… Obi-Wan Kenobi ed unirci a quella fila per provare una novità.

Nella seconda parte dell’episodio della saga il Millenium Falcon porterà i valorosi Jedi in pianeti straordinari ma mai quanto quelli in cui ci hanno introdotto quelle porticine e quella facciona arancione appesa in alto. Prima di ordinare ci accorgemmo dei strani nomi dati ai panini del burger store, qualcosa ci ricordava tanto quella corsa del dopo scuola verso casa per nerdare su Italia 1. Un volta decisi i gusti e via! Il panino più quotato fu il ” los pollos”, finché non se ne aggiunsero altri ed altri ancora. Il finale di questo ricordo? Si muovono in branchi, si muovono in branchi!

Egidio Cerrone e “Le avventure culinarie di Puok e Med”

Egidio Cerrone è il super ragazzo napoletano rappresentato da quella facciona arancione, anche se alcuni lo conoscono per aver creato Puok. Avendo un’esigenza nel mostrare la propria realtà, quella di un ragazzo popolare legato alla tradizione quanto alla cultura pop, Egidio decise di scrivere un Blog. “Le avventure di Puok e Med “, così erano chiamate le uscite avventurose tra Egidio ed i suoi amici.  Queste recensioni, attraverso Facebook ed altri social, hanno raccontato grazie ad ogni morso la grande tradizione culinaria partenopea.

Nei video di “Puok e Med”, traspare la passione anche per la famiglia e per le mani di tutte le nonne o mamme ‘della domenica mattina’ che cucinano con amore. Agli albori di “Puok Burger Store” , Egidio Cerrone decide di chiudere il proprio blog e tradurre per la prima volta le sue parole in gusto, le sue serie tv preferite in salse e le sue aspirazioni nel migliore stravolgimento dello Street Food napoletano.

Dall’intervista della Bussola TV: -“Quando hai avuto l’idea di aprire una panineria ?”

-“Nel 2015 ho lasciato il mio lavoro di ricercatore in biologia molecolare perchè ho capito che la mia vocazione per il food era più forte e che lavorare al mio blog mi rendeva veramente felice perchè rappresentava il mio modo di esprimermi al mondo. All’epoca, e ancora oggi, il mio blog non è stato mai monetizzato, per me l’immagine e la libertà di espressione sono da sempre due pilastri fondamentali della mia carriera, e mi sono chiesto quale potesse essere il modo migliore per vivere della mia passione, continuando a rinunciare alla commercializzazione del blog e continuando ad esprimermi. Ho pensato che aprire un mio locale fosse una naturale evoluzione della mia espressione e in modo molto più tangibile, facendo provare direttamente le mie idee culinarie”.

-“Quanto hanno influito i tuoi studi sulla tua attività ?”

“-Tantissimo. Anche se ho rinunciato alla carriera di ricercatore, gli studi in biotecnologie mi hanno dato una forma mentis importante, che oggi mi aiuta tantissimo anche in ambiti diversi. Infatti consiglio sempre a tanti ragazzi di completare almeno gli studi e di formare il pensiero, sarà sempre utile e un vantaggio competitivo”.

Non è cuozzo, non è gourmet, è Puok

Il locale Puok Burger Store ha iniziato la sua avventura nel caldo mese di Giugno circa 7 anni fa, nel 2016. L’attività, sviluppatasi ben presto in un brand unico nel suo genere, presenta un’innovativa scelta di panini pronti a raccontare una storia. Infatti, attraverso il coinvolgimento dei clienti a 360 gradi, il format di Puok si potrebbe definire uno Story Teller di gusti. Ovviamente, per comporre una buona storia non devono mancare la comunicazione intelligente con ottimi montaggi o foto (prodotti da progetti come Fatelardo, Quantobasta,M26) e ovviamente un’ esperienza fantastica tradotta in hamburger.

Per la sua paninoteca Egidio ha creato di persona le proposte del menù, selezionando tutto con attenzione. Quest’ultima è dedicata soprattutto ai fornitori delle materie prime per preservare l’amore per Napoli . Il risultato è un equilibrio perfetto tra marketing e prodotto, che si traduce in  un menù perfetto per ogni stagione. Attualmente i panini presenti in Store sono Nonna Assunta, Hadoken,Django, Los Pollos, Smashed One, Porco Verde, Easter Eggi e Spring Mania Veg. Gl ingredienti principali presenti nelle creazioni sono: il classico bun, le carni di hamburger/pancia di maiale/porchetta e le salse di ogni colore.

Dall’intervista della BussolaTv:“cosa deriva la fantasia negli ingredienti e con chi scegli i gusti dei panini?”

“- Il menù di Puok è curato completamente da me, dall’idea, ai prodotti, alla loro comunicazione. Ovviamente grandi cose le possono fare solo grandi team, e sia sul prodotto che sulla comunicazione, lavoro insieme a gruppi di ragazzi fantastici. Per i panini mi interfaccio coi ragazzi del laboratorio e qualche volta anche con quelli del punto vendita. Racconto le mie idee e proviamo a tirar fuori le ricette giuste ad esprimere quelle idee e determinate sensazioni che abbiamo immaginato.

Mentre col team di Fatelardo, agenzia di comunicazione di cui siamo i proprietari e quindi è quasi un team interno, lavoriamo alla comunicazione di queste idee. Puok è il risultato di queste due cose insieme, non facciamo un prodotto e poi proviamo a comunicarlo, ma lo immaginiamo già nella sua comunicazione e ci arriviamo in parallelo con le sperimentazioni in cucina. I nostri panini devono essere innanzitutto Puok, e poi ovviamente quanto più buoni possibile.

 I nomi evocativi dei panini Puok ed il Comicon da nerd

Alla Fiera Internazionale del Fumetto “2022 di Napoli, Egidio Cerrone ha deciso di omaggiare la propria passione Pop attraverso l’Iron Truck che vendeva i panini. Le 4 giornate di Comicon, grazie a Puok, sono terminate con centinaia di pance sazie e felici.

La BussolaTv: –“come mai i nomi dei panini derivano da serie tv e personaggi ?”

Egidio Cerrone – “Perchè sono cresciuto a pane e cultura pop, film e telefilm sono la mia seconda passione. Puok dal primo giorno ha rappresentato una finestra della mia stanzetta sul mondo ed è stato contaminato da questa mia passione, avvicinando tantissimi altri nerd al nostro brand. Puok è un po’ la rivincita dei nerd “.

La BussolaTv:-“Quando ti è venuta l’idea di portare puok anche al Comicon e quali sono i tuoi progetti futuri ?

-“Appunto per questo, Puok è da sempre contaminato dalla cultura pop e il Comicon è a tutti gli effetti “il nostro posto”. Dovevamo esserci già nel 2020, poi la pandemia ha bloccato tutto, ma quest’anno siamo finalmente ripartiti e noi lo abbiamo voluto fare in grande stile, presentandoci al Comicon col nostro fantastico truck arancione e con un video in tema: Iron Truck. Nel video parliamo proprio della nostra voglia di riappropriarci dell’immaginazione e di costruire un simbolo, il truck, di libertà, spazi aperti, continuità, creato con una precisa dichiarazione di intenti: poterne immaginare altri mille di questi eventi, una risposta simbolica a quel mostro che ha fermato il mondo e l’immaginazione per qualche anno”- termina Egidio.

Speciali ringraziamenti al sig. Egidio Cerrone … Luke, May the Forc… PUOK  be with you !

 

 

 

 

Nicolaos Nicolau
Nicolaos Nicolauhttps://www.instagram.com/nicogreek_69/
Studente liceale al Leon Battista Alberti di Napoli.
RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments