lunedì, Maggio 27, 2024
HomeCronacaAgguato a Sant'Antimo: vittima e ferito legati al clan Ranucci

Agguato a Sant’Antimo: vittima e ferito legati al clan Ranucci

È ritenuto vicino al clan Ranucci Antonio Bortone, il 25enne (avrebbe compiuto 26 anni il prossimo 13 settembre) ucciso con sei-sette colpi d’arma da fuoco a Sant’Antimo, in provincia di Napoli, in un agguato scattato in via Solimena, di fronte alla palazzina di edilizia popolare 2B.

Anche il 29enne che ieri sera si è recato all’ospedale Moscati di Aversa, Mario D’Isidoro (compirà 30 anni il primo maggio prossimo) con ferite provocate d’arma da fuoco esattamente dello stesso calibro di quella che ha ucciso Bortone, è ritenuto legato al clan Ranucci. Inoltre il 29enne abita proprio in via Solimena. Coincidenze che farebbero fortemente ritenere ai Carabinieri della tenenza di Sant’Antimo, a quelli della Compagnia di Giugliano in Campania e alla DDA (sostituto procuratore Daniela Varone, recatasi ieri sul posto) che i due fatti siano collegati.

Bortone è stato colpito mentre era in sella a uno scooter. Sul luogo dell’omicidio non c’è un sistema di videosorveglianza e sembra che nessuno abbia visto e sentito niente. Ciononostante i Carabinieri di Sant’Antimo sono giunti sul posto dopo una telefonata anonima che segnalava spari in quella zona.

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook La Bussola TV per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram!

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments