domenica, Giugno 16, 2024
HomeCronacaGiugliano: blitz nel campo rom di via Carrafiello

Giugliano: blitz nel campo rom di via Carrafiello

Giugliano – Un tubo di plastica corre perpendicolare alla strada. In un canale scavato con qualche attrezzo di fortuna. Sotto qualche centimetro di asfalto grigio, per evitare che le auto possano schiacciarlo. Porta acqua nel campo e la sete di oltre 400 persone è saziata da quella conduttura.

Un gallo bagnato lo costeggia, per beccare qualcosa insieme a decine di altri della sua specie raggruppati attorno ad una cassetta di plastica nera. Poi un belato lontano, lo sentono tutti. È un agnello, legato ad un camper con un filo sottile. Non è solo, qualche metro più avanti un ariete dalle corna arricciate è avvolto da una corda, fissata ad una grata arrugginita.

I Carabinieri della compagnia di Giugliano e quelli del gruppo di Castello di Cisterna sono entrati nel campo nomadi di via Carrafiello da qualche istante. Con loro anche l’esercito Italiano (operazione strade sicure “terra dei fuochi” a disposizione della Prefettura),  agenti della polizia metropolitana e personale tecnico dell’Enel. Le auto sono tante. Occupano ogni viale di terra battuta. Da una di queste scendono tre militari e si avvicinano a quel montone legato. La voce di uomo li avverte: “fate attenzione, la corda è molto lunga e Bambi è sempre nervosa! Tira testate!” Bambi, come il cerbiatto ideato da Walt Disney. L’animale è infastidito da quel gruppo di figure scure e si solleva sulle 4 zampe pronto a colpire.
I militari fanno un passo indietro, sarà l’ASL veterinaria ad occuparsi di tutti gli animali dell’insediamento.

Attorno a loro sciamano gruppi di bambini di ogni età. Sorridenti salutano i carabinieri. Un’accoglienza quasi sorprendente. Saltano tra le pozzanghere e i rifiuti. Poi su materassi e reti di ferro. Sembrano divertiti. Un ufficiale dei Carabinieri li prega di far attenzione ai chiodi. Le scarpe già logore non basterebbero a proteggerli da tagli profondi.

Il Campo di Via Carrafiello è circondato. Dai carabinieri ma soprattutto da baracche di fortuna e rifiuti. Tonnellate di rifiuti di ogni genere. L’aria è irrespirabile. I fumi neri salgono a spirale verso il cielo, impregnano anche i vestiti. Fornaci sparse tra carcasse di auto e furgoni, frigoriferi, passeggini, forni ancora fumanti. Topi, vivi e morti. Gatti che gli danno la caccia. E ancora pneumatici, divani, scarpe, televisori, vasche, vernici. Poi giocattoli.
Macchinine, robot senza braccia, bambole spettinate, bici senza ruote. Abbandonati, coperti di terra e polvere. Qualcuno intrappolato tra cavi di acciaio e scarti di edilizia. Un bimbo gioca all’aeroplanino con una cerniera di metallo, di quelle per armadi.

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook La Bussola TV per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Tik Tok e  Instagram!

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments