close
Cultura

Leggende della Campania: la storia d’amore dei Colli di Napoli

A Napoli tutto è capace d’amare ed ogni angolo nasconde una storia d’amore – anche se spesso infelice.

Come Posillipo, anche altri quattro colli napoletani nascondono una storia: prima di trasformarsi in terra, massi e radici, un tempo San Martino, il Vomero, Capodimonte e Poggioreale erano quattro uomini, quattro fratelli.

La collera li rese immobili amore li mutò in pietra: questa è la loro storia.

La storia di quattro fratelli

Vi erano quattro fratelli, ammirati ed amati da tutti. Erano giovani e belli, forti e gentili.

I fratelli si chiamavano San Martino, Vomero, Capodimonte e Poggioreale. Andavano molto d’accordo tra di loro e provavano l’uno verso l’altro un profondissimo affetto: s’aiutavano a vicenda quando uno di loro ne aveva bisogno, si sostenevano nei momenti di difficoltà e gioivano insieme per le loro fortune.

Pareva che la vita sorridesse ai quattro fratelli e che per loro si prospettasse un futuro felice e luminoso, ma il destino decise che così non dovesse essere.

In amore e in guerra

I fratelli con le loro doti attiravano lo sguardo ed il desiderio di molte donne, ma le rifiutavano tutte. Vicendevolmente incuriositi da quel comportamento, parlarono tra di loro e tutti dissero la stessa cosa: non potevano cedere alle proposte delle altre donne perché avevano il cuore già occupato.

Il destino è crudele e l’amore è cieco: i quattro fratelli si resero conto di essere innamorati della stessa donna. Iniziarono così gelosie e recriminazioni, litigi e ostilità. L’idillio familiare dei quattro fratelli era distrutto per sempre, sostituito da una guerra in cui nulla pareva proibito. Tutto era lecito e ciascuno di loro avrebbe compiuto qualsiasi azione pur di avere il cuore della fanciulla contesa.

Cuore di pietra

Ma il fato non aveva ancora esaurito i tiri mancini nei confronti dei quattro fratelli; per quanto si impegnassero, per quanto sanguinosa e sempre più crudele la guerra tra di loro andasse avanti, la donna amata da tutti loro non ricambiava l’amore di nessuno.

I quattro fratelli fecero lo stesso giuramento alla donna: ti aspetterò per sempre! E mantennero davvero la loro parola: attesero ed attesero, ma quella non cambiò mai idea. Gli anni passarono e si tramutarono in secoli, e i fratelli ancora attendono che quella donna tanto amata e contesa conceda il proprio cuore a qualcuno di loro.

Immobili nella loro attesa, si trasformarono in pietra ed in terra, in radici ed in massi, diventando i quattro colli che noi tutti conosciamo e che possiamo ammirare ancora oggi. San Martino, Vomero, Capodimonte e Poggioreale, vicini come furono in vita, nel susseguirsi delle stagioni, aspetteranno per sempre il loro amore.

Non perderti gli altri articoli sulle leggende della Campania:

BussoLaLeggenda I : Da dove nascono le Janare? 

BussoLaLeggenda II : Il fantasma del Caffè Gambrinus

BussoLaLeggenda III: La maledizione della Gaiola

BussoLaLeggenda IV: La Strega del Vesuvio

BussoLaLeggenda V: La Tomba di Dracula

BussoLaLeggenda VI: L’amore tra Posillipo e Nisida

BussoLaLeggenda VII: Giovanna la pazza e i suoi amanti senza riposo

BussoLaLeggenda VIII: La Bella ‘Mbriana e l’ospitalità

BussoLaLeggenda IX: I segreti della Grotta Azzurra 

BussoLaLeggenda X: la storia di Castel dell’Ovo

BussoLaLeggenda XI: La strega di Port’Alba

BussoLaLeggenda XII: Tra diavoli e fate, le leggende del lago d’Averno

_

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook de La Bussola per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram!

 

Tags : BussoLaLeggendacampanialeggende
Simona Lazzaro

The author Simona Lazzaro

Leave a Response