close
Cultura

Natale in Campania: la leggenda della Pigna e del Lupino

Tra le tante usanze legate al Natale che sono presenti a Napoli ed in Campania, una si muove tra leggenda e superstizione: stiamo parlando della Pigna bruciata.

Nella città partenopea è di buon augurio nella notte di Natale – secondo alcuni anche in quella di Capodannobruciare una Pigna tra le mura di casa e lasciare che il suo profumo si diffonda in tutta l’abitazione.

Le ragioni alla base di questo gesto sono spiegate da un racconto tramandato dalla tradizione orale che ha come protagonisti Gesù e due alberi, il Pino ed il Lupino.

Questa settimana ve lo raccontiamo.

L’amarezza del Lupino

Com’è noto, per sfuggire alle persecuzioni di Re Erode, Gesù, Giuseppe e la Maria furono costretti a fuggire dalla città di Nazareth.

Durante la loro fuga, inseguiti dai soldati che s’avvicinavano sempre di più e con la stanchezza che li costringeva a rallentare, Maria tenendo stretto Gesù tra le braccia chiese aiuto alle piante che aveva intorno. Il primo a cui si rivolse fu il Lupino; i suoi alti fusti avrebbero potuto nascondere per un po’ lei ed il suo bambino. Ma con spietata asprezza il Lupino rifiutò di prestare alla Sacra Famiglia il suo aiuto.

Per questo fu maledetto: i frutti che avrebbe fatto nascere avrebbero rispecchiato l’amarezza del suo cuore, ed è per questo che ancora oggi i frutti del Lupino sono tanto amari.

La benedizione dell’Incenso

Sempre più disperata, Maria allora chiese pietà al compassionevole Pino, che invece subito li aiutò. Spalancò i folti rami per accoglierli e lasciò che madre e bambino trovassero riparo sotto le sue fronde.

I due si nascosero lì per tutta la notte. I soldati passarono loro accanto senza vederli e li superarono; scampato il pericolo, madre e figlio riuscirono ad addormentarsi trovando, per la prima volta da giorni, un po’ di riposo. Il mattino seguente il bambino Gesù, risvegliatosi, sorrise sfiorando il Pino e così lo benedisse. Alla pianta donò il profumo dell’incenso, che avrebbe ricordato a tutti della sua generosità; mentre il suo frutto fu benedetto dalla mano del Signore.

I frutti del pino portano al loro centro una fioritura che ha la forma simile a quella di una piccola mano: è il tocco di Cristo, segno della sua benedizione.

La Pigna Bruciata

E’ dunque di buon augurio bruciare una Pigna in casa affinché il profumo della benedizione di Gesù ricordi a tutti della generosità del Pino. Chiunque esegua questo rituale che oscilla tra il sacro ed il profano si assicurerà abbondanza e generosità dal Natale e dal nuovo anno.

E voi conoscevate l’usanza della Pigna Bruciata? Avete mai eseguito questo rituale tutto napoletano? Una cosa è certa: reale o fantasiosa che sia, a Natale non esiste altra usanza tanto profumata. 

Non perderti gli altri articoli sulle leggende della Campania:

  1. Da dove nascono le Janare? 
  2. Il fantasma del Caffè Gambrinus
  3.  La maledizione della Gaiola
  4. La Strega del Vesuvio
  5. La Tomba di Dracula
  6. L’amore tra Posillipo e Nisida
  7. Giovanna la pazza e i suoi amanti senza riposo
  8. La Bella ‘Mbriana e l’ospitalità
  9.  I segreti della Grotta Azzurra 
  10. la storia di Castel dell’Ovo
  11. La strega di Port’Alba
  12. Tra diavoli e fate, le leggende del lago d’Averno
  13. La storia d’amore dei colli di Napoli 
  14. Storia della regina verde di Agropoli
  15. il fantasma di Tiberio e la bella Carmelina
  16. la seducente fantasma dell’ex-monastero di Sant’Arcangelo
  17.  il fantasma di Bianca a via dei Tribunali
  18.  la nave di Castellammare di Stabia
  19.  il Drago di Napoli
  20.  Mergellina, la ninfa ed il pescatore
  21. Gesio e la bocca del dragone
  22. Il fantasma di San Lorenzo
  23. Ciccio e la notte delle Streghe
  24. I Lupi Mannari dell’Irpinia

_

Continua a seguire il nostro sito e la pagina Facebook de La Bussola per orientarti e informarti in Campania. Siamo anche su Instagram!

Tags : BussoLaLeggendaleggendedellacampanianatale
Simona Lazzaro

The author Simona Lazzaro

Leave a Response